Cerca

Lombardo, concorso mafia Chiesto rinvio a giudizio

Governatore Sicilia nei guai col fratello. Lui: "Mai fatto favori a Cosa Nostra". A novembre decine di arresti a Catania

Lombardo, concorso mafia Chiesto rinvio a giudizio

La Procura di Catania ha  presentato la richiesta di rinvio a giudizio per concorso esterno all’associazione mafiosa e voto di scambio del presidente della Regione siciliana Raffaele Lombardo e di suo fratello Angelo, parlamentare nazionale Mpa. L’atto è stato depositato nella giornata   di ieri ma la notizia si è appresa oggi e fa seguito alla decisione del Gip Luigi Barone di non accogliere l'archiviazione proposta dalla Procura per i fratelli Lombardo e di disporre l'imputazione coatta per i due esponenti politici. Raffaele Lombardo affida al suo blog l'autodifesa. "Prima o poi avrò il tempo di difendermi, e non c'è migliore difensore di se stesso. Mai fatto favori a Cosa nostra". L'inchiesta è uno stralcio dell'operazione Iblis, il nome del Diavolo in arabo, scattata il 3 novembre del 2010 con decine di arresti tra esponenti di spicco della mafia di Catania, imprenditori e uomini politici.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    09 Aprile 2012 - 18:06

    E poi non è possibile, i siciliani sono tutti onesti. No?

    Report

    Rispondi

  • bellissimo

    05 Aprile 2012 - 15:03

    Con la sempre verde formula del concorso esterno,e con l'ausilio di un paio di pentiti,il gioco è fatto. Non servono più indagini e prove.Tutto tempo perso!

    Report

    Rispondi

  • parigiocara

    05 Aprile 2012 - 11:11

    speriamo che le pulizie proseguano .... e vadano ben a fondo .... non se ne può più

    Report

    Rispondi

blog