Cerca

Dolci in cambio di atti sessuali Nonno pedofilo in parrocchia

Arrestato a Padova un settantenne che con modi gentili avvicinava i ragazzini e poi li costringeva a particolari giochi erotici

Dolci in cambio di atti sessuali Nonno pedofilo in parrocchia

Con modi gentili avvicinava i bambini di una struttura parrocchiale, offriva loro dei dolcetti, poi li costringeva a compiere atti sessuali. Ora, per fortuna, è finito in manette. Ad arrestare l'orco, un uomo di settant'anni, è stata la squadra mobile di Padova che hanno indagato sul quel nonno dalle "particolari" attenzioni dopo le denunce dei genitori delle vittime che raccontavano quanto di "strano" accadeva nel patronato. I familiari, preoccupati, si sono quindi rivolti alla polizia e gli agenti specializzati in materia che hanno raccolto gli elementi necessari per l'arresto dell'uomo che dovrà ora rispondere davanti all'autorità giudiziaria di atti sessuali aggravati ai danni di minorenni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Liberamentelibero

    03 Maggio 2012 - 11:11

    dare il pedofilo in mano ai familiari della vittima dell'abuso. E tenerlo in vita in ogni modo, così come il ragazzino cresce può distruggerlo di colpi.

    Report

    Rispondi

  • roda41

    11 Aprile 2012 - 09:09

    ANCHE per esempio per medici,per case produttrici che usano uova marce,per panifici che fanno pane in condizioni schifose ecc.... ecc....PER TUTTO!!!!!

    Report

    Rispondi

  • graziella

    07 Aprile 2012 - 22:10

    Vogliamo vedere in faccia i porci schifosi pedofili, vogliamo difendere i nostri figli ma come facciamo se non conosciamo i loro volti, non é giusto difendere la privacy di questi ignobili esseri umani, se vogliamo debellarli dobbiamo rendere pubblico il loro viso, catalogarlo, farlo girare perche' tutti lo possano riconoscere ed evitare, compresi i loro parenti che ignari di avere in giro per casa uno sporco maiale, magari gli affidano anche i nipotini . Serve meno finto buonismo, serve chiamare le cose e le persone per quello che veramente sono, fateci vedere i volti e scrivete nome e cognome, non aspettate di scrivere e pubblicare le foto delle loro vittime!!

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    07 Aprile 2012 - 19:07

    Datelo in mano ai genitori perchè la giustizia italiana è assente da tempo.

    Report

    Rispondi

blog