Cerca

Piazza Loggia: tutti assolti Strage senza colpevoli

Dopo 38 anni la Corte d'appello di Brescia scagiona i quattro imputati neofascisti. Il pm: ricorreremo in Cassazione

Piazza Loggia: tutti assolti Strage senza colpevoli
La Corte d'assise d'appello di Brescia ha assolto Carlo Maria Maggi, Delfo Zorzi, Maurizio Tramonte e il generale dei carabinieri Francesco Delfino nel quarto processo per la strage di Piazza della Loggia, avvenuta nel 1974. La bomba, collocata in un cestino dei rifiuti in piazza della Loggia, esplose alle 10.12 del mattino durante una pacifica manifestazione antifascista che era stata  organizzata per esprimere rifiuto e condanna della violenza eversiva. L'ordigno uccise otto persone e ne ferì 10.

Il primo grado - In primo grado i  4 erano stati assolti con formula dubitativa. Nei confronti del quinto imputato del processo di primo grado, Pino Rauti, anch'egli assolto, non era stato presentato ricorso da parte della Procura ma solamente da due parti civili. Uno dei ricorsi è stato dichiarato inammissibile con la conseguente disposizione del pagamento delle spese processuali a carico delle parti civili. Prima di leggere la sentenza, il presidente della Corte d'assise d'appello, Enzo Platè, ha ringraziato i giudici popolari per l'impegno e lo scrupolo profusi durante la durata del processo

Le richieste dei pm -  Il procuratore di Cremona Roberto di Martino e il pm di Brescia Francesco Piantoni (entrambi applicati al processo di secondo grado) avevano chiesto la condanna all'ergastolo per il medico veneziano, ex ispettore di ordine nuovo per il Triveneto, Carlo Maria Maggi, per l'ex ordinovista Delfo Zorzi, per l'ex fonte dei servizi segreti Maurizio Tramonte e per il generale dei carabinieri Francesco Delfino, all'epoca dei fatti capitano comandante del Nucleo investigativo dei carabinieri di Brescia. Nei confronti di Pino Rauti, fondatore di Ordine Nuovo, la Procura non aveva presentato ricorso ma lo avevano fatto due parti civili. L'accusa, di conseguenza, non aveva chiesto la sua condanna. Secondo le indagini, cominciate nella metà degli anni '90, l'eccidio era da attribuirsi all'ambiente ordinovista. Delfino, invece, secondo l'accusa, avrebbe saputo quanto stava accadendo ma non avrebbe fatto nulla per evitarlo.

"Abbiamo fatto il possibile" - Piazza della Loggia una nuova piazza  Fontana? "Dopo 38 anni le speranze sono limitate. Fatti del genere andavano accertati all’epoca. Così non è avvenuto". Roberto Di   Martino, pm nel processo di Piazza della Loggia, in coscienza sa di avere fatto tutto quello che era possibile per accertare la verità: "è dal 1993 che ci occupiamo di questi fatti che hanno assorbito una   parte non indifferente della nostra vita professionale. Il senso di   impotenza? Non è di oggi. I processi hanno una fine fisiologica e   dopo trentonno anni...", afferma il pm. Ragiona Di Martino: "manca ancora un terzo grado di giudizio. E'  evidente che le speranze sono limitate. Noi però non abbiamo lavorato  per niente. L’importante è che c sia un risultato storico". Due   sentenze, due assoluzioni per una strage che ha provocato otto morti.   E con la probabilità che anche un eventuale terzo grado confermi. "L'importante - osserva il pm Di Martino - è che ci sia un   risultato storico. Mi auguro che le motivazioni possano dare risposte   parziali che non potranno ovviamente essere in punto di   responsabilità personale. Me lo auguro non per noi ma per i familiari  delle vittime. Hanno diritto ad avere un perchè". Anche se il pm è   ben consapevole che "più passa il tempo, più la realtà processuale e quella storica si avvicinano. E poi metà dei teste sono morti e le   carte ormai sostituiscono le voci delle persone".

Soddisfatti Zorzi e Maggi - "Sono stato perseguitato per trent' anni. L’attentato di Piazza Fontana, poi Piazza della Loggia. Ora provo una gioia immensa". Carlo Maria Maggi, il medico veneziano   assolto esprime la sua "gioia immensa" per la decisione di oggi. Ma non nasconde l’amarezza di tanti anni vissuti "nelle accuse e nel sospetto". "Adesso provo una gioia immensa - afferma - ma per tanto tempo sono stato inascoltato". Aspettava con fiducia l’esito del processo d’Appello Delfo Zorzi. "In un processo solamente indiziario ha vinto il garantismo dei giudici e la passione dei miei legali, avvocati Franceschini, Bortoluzzi e Di Biasi, che ringrazio", dice in un messaggio affidato al legale l'imputato che vive in Giappone dal 1975. "Si è trattato  di un processo in cui l’accusa probabatoria non c'era assolutamente, come confermano   due Corti e 12 giudici popolari. E’ giusto e doveroso seguire ogni pista per arrivare alla verità. Questa pista direi, però, che è arrivata alla fine".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 44carlomaria

    17 Aprile 2012 - 15:03

    Vero son0 sopravvissuto ai bombardamenti e agli eccidi rossi del reggiano, dove sono nato. Onestamente non ricordo il fascismo, non l'ho conosciuto e non ho dovuto abiurarlo come Re giorgio, baffino le la banda. chi vive di speranza muore deluso. Take care of yourself (alla Monti d'Azzate) Peppone in Russia, prima di scappare, disse Asvedommia.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    16 Aprile 2012 - 15:03

    Gli consiglierei di guardare meno tv. Che faccia male lo si nota leggendolo.

    Report

    Rispondi

  • biri

    16 Aprile 2012 - 12:12

    E l'idiozia è nel DNA dei fascisti (a loro insaputa), la cui madre è sempre, purtroppo, incinta.

    Report

    Rispondi

  • biri

    16 Aprile 2012 - 12:12

    Un'altra comica coppia di fascisti a loro insaputa, anche questi si estingueranno, speriamo senza lasciare danni.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog