Cerca

Minetti "Nicole fece uno spogliarello in tonaca" Ronaldinho e suore: i segreti del bunga bunga

L'olgettina Imane Fadil ai pm: le serate a casa di Berlusconi, Nicole e lo spogliarello in tonaca, Iris Berardi sexy con la maglia del brasiliano

Minetti "Nicole fece uno spogliarello in tonaca" Ronaldinho e suore: i segreti del bunga bunga

Regali costosi, cene e balletti sexy, dettagli piccanti al limite del puro gossip. E presunte pressioni sui testimoni. Tutto questo emerge dalla deposizione della modella marocchina Imane Fadil, ascoltata oggi dai pm di Milano che stanno indagando sulle notti di Arcore, quelle del Bunga bunga, al centro di due processi: quello contro l'ex premier Silvio Berlusconi, accusato di prostituzione minorile e concussione, e quello contro l'ex direttore del Tg4 Emilio Fede, l'ex agente Lele Mora e la consigliera regionale del Pdl in Lombardia Nicole Minetti accusati di induzione e favoreggiamento della prostituzione.

I dettagli piccanti - Ma è il gossip, almeno inizialmente, a tenere banco in aula. A Villa San Martino, alle cene di Berlusconi, c'erano due suore che facevano lo spogliarello. Una era la Minetti, l'altra la show-girl Barbara Faggioli. Entrambe ballavano con la tonaca davanti al Cav poi si spogliavano.  "Eravamo in piedi, stavamo prendendo da bere al bar - ricorda Imane Fadil, riferendosi ad una serata del febbraio 2010 - la Faggioli stava facendo una performance nella saletta del 'bunga bunga'. Dopo dieci minuti scomparve con la Minetti, poi si presentarono con una tunica nera, una croce e un copricapo bianco e fecero una performance che non mi sarei mai aspettata. Fecero Sister act (il musical reso celebre dall'attrice americana Whoopy Goldberg, ndr) poi ballarono, si dimenarono e si tolsero la tunica, restando solo con l’intimo". "Iris Berardi invece era travestita da Ronaldinho e anche lei alla fine si spogliava e faceva balletti osè".


In regalo l'orologio del Milan - A questo punto, Fadil ricorda il suo disappunto. "Chiesi a Mora di andarmene. Non ero l’unica. Le due ragazze ungheresi si erano avvicinate a me, videro che ero imbarazzata e parlammo sconcertate. Berlusconi chiese a Mora che cosa avessi e lui disse: 'lei è particolare, la conosco da annì. Mi chiese da dove venissi e cosa volevo fare". "Poi venne da me - prosegue la modella - mi portò a visitare la casa, era gentilissimo, cercò di mettermi a mio agio". Alla fine della serata, "Berlusconi mi invitò ad entrare nel suo ufficio, mi guardò e capì che ero imbarazzata, mi disse allora di andare con le gemelle. Ci fece dei regali, tra cui un orologio con lo stemma del Milan e degli anellini. Quindi, mi prese in disparte e disse: 'non vorrei che tu ti offendessi, ma so che hai bisogno' e mi disse di prendere una busta. La presi e dentro c'erano duemila euro in contanti". Imane, stando alla sua versione, si fece poi riaccompagnare a casa da Lele Mora, che l'aveva anche condotta ad Arcore. "Mentre uscivamo sentivo che Minetti e Faggioli avevano deciso di fermarsi a dormire".

Più soldi a chi si ferma - A questo proposito, la Fadil ha detto che chi tra le ragazze accorse a Villa San Martino si fermava anche la notte, "prendeva molto di più". "Ad organizzare le serate - ha spiegato ancora la marocchina - erano la Minetti ed Emilio Fede". Chi si intratteneva la notte "si fermava per sesso, perché le ragazze se ne lamentavano e avevano paura delle malattie. Ma tutte facevano a gara per fermarsi perché chi si fermava prendeva molto di piu".

Pressioni sul processo - Durante la sua deposizione, la Fadil ha raccontato anche di avere subito pressioni da uno sconosciuto in relazione alla sua testimonianza. Il pm Antonio Sangermano le ha posto la domanda che fa ormai da alcune udienze a tutti i testi e cioè se avesse subito pressioni da terzi in vista della deposizione, e la modella nordafricana ha rivelato: "Nella primavera del 2011 e sono uscita di casa e sono stata avvicinata da un uomo alto e biondo, con gli occhi azzurri, sui 45 anni, che mi disse di essere italiano, ma non lo era. L'uomo mi diede un telefono con una scheda e mi disse che mi avrebbe chiamato al momento giusto per andare là, cioè ad Arcore". In seguito la modella sarebbe stata chiamata dallo sconosciuto che le avrebbe detto 'Prendi un taxi e vai'. Dove me lo specificò quando ci vedemmo di persona. Dovevo andare ad Arcorè". "Quel taxi non l'ho mai preso - prosegue Fadil - vidi l'uomo altre due - tre volte, una volta a casa mia, un’altra nei pressi di casa mia". "Mi disse - prosegue il racconto - che si stava arrabbiando perché tutte le volte che organizzava io non andavo. Quando seppi dal mio avvocato a cosa andavo incontro, smisi di rispondere". Sangermano ha chiesto alla giovane modella se fosse in grado di far avere alla procura telefono e scheda e lei ha risposto: "Vado a casa e li cerco, ho anche cambiato casa...".

 


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • z.signorini

    19 Aprile 2012 - 07:07

    Tutti si buttano sulla Minetti ecc. Ma una domandina sorge spontanea: e tutti quei bravi signori del PD a Napoli nel night club perché di quelli non ne parlano più? Forse i giornalisti hanno preso la bustarella dal PD per far silenzio?

    Report

    Rispondi

  • roda41

    18 Aprile 2012 - 09:09

    possa la mattina pensare seriamente alla gente che non arriva a fine mese e ai veri problemi,mentre ragiona con le parti basse .

    Report

    Rispondi

  • PETTIROSSO

    17 Aprile 2012 - 13:01

    X bruno osti | 16/04/2012 alle 19.24 * ... non saranno gli stessi PM, ma è troppo facile per lei e molti altri giudicare "a prescindere", fa comodo, appaga, rende felici di sfogarsi contro il B. di turno... proprio la stessa felicità che provano quei PM (ablativo assoluto "napoletano") ad ascoltare quelle "signorine allegre e mai contente" oltre che ingrate, ma questo e nulla per loro -tanto valgono poco-, anziché sbrigare altre cause che darebbero loro solo fastidi... questo ho inteso dire, sempre che comprenda il disagio di chi aspetta anni per una causa… Voglio essere buono con lei, le auguro di non capitare nelle loro mani!!!

    Report

    Rispondi

  • meliodora

    17 Aprile 2012 - 12:12

    ..ancora con questa storia del Bunga Bunga???? Ma basta. Ma chi se ne frega di quello che fa in casa sua il Cavaliere. Tutti quelli che ci hanno fregato milioni di € e continuano ancora a farlo??? Monti che ci impoverisce sempre di più? ABC in combutta fra loro per non mollare la presa sui rimborsi e sui soldi NON loro non per pagare le spese elettorali ma per ben altro??? Quseti si che sono i veri scandali e siamo ancora qui a parlare del Bunga Bunga??? MA per favore.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog