Cerca

Lavitola, GdF a Palazzo Chigi Sequestrati 2,5 milioni

Il denaro recuperato faceva parte dei contributi destinati all'Avanti. I pm: "Li ha percepiti indebitamente"

Lavitola, GdF a Palazzo Chigi Sequestrati 2,5 milioni
Oltre 2,5 milioni di euro di contributi pubblici destinati al quotidiano l'Avanti, testata di proprietà di Walter Lavitola, non ancora erogati, sono stati bloccati dal Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Napoli presso il Dipartimento per l’Informazione e l'Editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri.   Si tratta di un sequestro preventivo disposto dalla Procura di Napoli, legata alla notifica il 13 aprile scorso di un’ordinanza di custodia cautelare emessa nei confronti di Lavitola e del senatore Sergio De Gregorio. I contributi erano a favore della società cooperativa a responsabilità limitata International Press, editrice del quotidiano. Dalle indagini svolte dalle Fiamme Gialle sarebbe  emersa l’esistenza di un’associazione per delinquere la quale si   sarebbe indebitamente appropriata di contributi pubblici per oltre 23   mln e 200 mila euro in un arco di tempo che va dal '97 al 2009 attraverso il sistematico ricorso a fatture per operazioni inesistenti  e documenti artatamente fittizi aventi ad oggetto prestazioni mai   eseguite ovvero attestanti una falsa tiratura ed una sovradimensionata  diffusione delle copie del giornale.

 Le accuse Il falso ricorso alle vendite in blocco e allo strillonaggio "pratiche di per sé poco tracciabili" spiegano gli investigatori,   rispetto a quelle tradizionali costituite dalle vendite presso le   edicole e dagli abbonamenti, rappresenta una delle modalità con cui l'Avanti avrebbe conseguito l’indispensabile requisito di   ammissibilità al finanziamento pubblico.  Secondo gli inquirenti "la società editrice allo scopo di   ostacolare eventuali forme di controllo ha variato più volte nel   tempo la denominazione sociale, la compagine societaria e la sede".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    19 Aprile 2012 - 15:03

    Povero pollastro,speri sempre di prendermi in castagna.Ti do' l'ultima vicenda in ordine cronologico.Finanza,questa volta al Senato,respinta .Caso Lusi. http://www.avvenire.it/Politica/Pagine/Lusi-tesoriere-patto-pm.aspx

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    19 Aprile 2012 - 10:10

    occhio che rischi di scivolare: le ventose si stanno consumando. Prova ad elencare tutti quei casi: io ricordo quello di Longo, e tu?

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    18 Aprile 2012 - 19:07

    Ci sono precedenti in cui la Polizia Giudiziaria,inviati dal solito pm esibizionista ,sia entrata a Palazzo Chigi,ma come è prevedibile,sono stati rispediti al mittente.Questa " visita" è stata concordata tra gli uffici della Procura e il capo del Governo, e consiste in un sequestro preventivo.In pratica hanno portato un foglio.Il fatto è ,che tu sei impressionabile.Non ti agitare,ad ogni verbale di sequestro si può fare istanza di dissequestro.

    Report

    Rispondi

  • bepper

    18 Aprile 2012 - 19:07

    non si era rifatto le tette, era l'unico modo di fare un po' di soldi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog