Cerca

Gentiloni nervoso si fa 3 mila euro di caffè. E Minniti gli sfila la poltrona

26 Febbraio 2018

5
Gentiloni nervoso si fa 3 mila euro di caffè. E Minniti gli sfila la poltrona

Era un po’ di tempo che il presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, sembrava parecchio nervoso. E ora si è scoperto perché dalla lista degli acquisti di palazzo Chigi. Il primo di febbraio nonostante la sua poltrona sia ormai in scadenza, si è fatto comprare dal dipartimento servizi strumentali di palazzo Chigi, una maxi-scorta di caffè. Una fornitura da 3.223,44 euro più Iva acquistata dal gruppo di distribuzione alimentare Giovinazzo srl per “acqua, zucchero, caffè, bicchieri di plastica e palettine”. Aveva fatto pure una gara per farselo andare giù. Ma nessuno si è presentato, così si è dovuto bussare alla porta di Giovinazzo che era già fornitore ufficiale di Gentiloni.Bella spesa, ma siccome non paga lui non è per quel caffè che Gentiloni è così nervoso. Il suo problema è un altro e si chiama Marco Minniti, il ministro dell’Interno del suo governo. Perché? Potrebbe essere proprio lui a sfilargli la poltrona in caso di impasse dopo le elezioni del 4 marzo. Se ci vorrà una personalità di raccordo per il governo di scopo che raccolga consensi trasversali fra i vari schieramenti. Gentiloni era ventilato come l’uomo giusto, ma in questa campagna elettorale anche per non sembrare un traditore di Matteo Renzi, il premier in carica si è buttato a capofitto schierandosi anche platealmente. Come nell’intervista a Repubblica di domenica 25 febbraio in cui ha sparato contro populismi e nazionalismi del Movimento 5 stelle e del centrodestra. Così Gentiloni si è fatto fuori da solo.

Minniti invece si è tenuto sapientemente fuori dalla mischia, strizzando semmai l’occhiolino al Movimento 5 stelle sulla immigrazione e le Ong e a parte del centrodestra sui temi più generali della sicurezza. Non a caso è andato a prendersi qualche fischio poi girato in applauso anche alla convention di Fratelli d’Italia sedendo a fianco di Giorgia Meloni. E’ sempre più Minniti e non Gentiloni la riserva della Repubblica di cui si parla. Così il premier in carica annega i suoi dispiaceri nelle tazzine di caffè offertegli dai contribuenti italiani. E diventa sempre più nervoso…

Continua a leggere su L'imbeccata di Franco Bechis

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • baffodoro

    16 Marzo 2018 - 09:09

    Ma come fa il "Marchese" Gentiloni a stare nel PD di Renzi e ripudiare la Nobile Casata? Altro che caffè, ci vuole la penicillina!

    Report

    Rispondi

  • Karl Oscar

    03 Marzo 2018 - 17:05

    Dia una giustificazione di questa spesa .

    Report

    Rispondi

  • mab

    28 Febbraio 2018 - 17:05

    Non è abituato alla caffeina, usa da sempre forti dosi di camomilla...........

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media