Cerca

La simulazione

Inps, la beffa pensione per co.co.co, co.co.pro e parasubordinati: ecco quanto prenderanno

Inps, la beffa pensione per co.co.co, co.co.pro e parasubordinati: ecco quanto prenderanno

L'ex presidente Inps Antonio Mastrapasqua ripeteva che se si fossero comunicati i numeri delle future pensioni, "si sarebbe rischiato il sommovimento popolare". A giudicare dalle proiezioni realizzate dalla società di consulenza finanziaria Progetica per il Corriere della Sera, almeno su quel punto Mastrapasqua non sbagliava. Perché per co.co.co, co.co.pro e parasubordinati si sta preparando una pensione da incubo: trent'anni di lavoro (spesso senza garanzie e con contratti a singhiozzo) potrebbero produrre per oltre un milione di italiani pensioni dimezzate rispetto ai loro ultimi stipendi e poco al di sopra dell'assegno minimo. Prospettive da brivido per chi oggi ha tra i 30 e i 40 anni.

Chi si salva - A salvarsi, spiega la proiezione, potrebbero essere i praticanti avvocati che a fronte della perdita secca (probabilmente a loro insaputa) del compenso percepito durante il praticantato (che non verrà conteggiato ai fini della pensione) confluiranno poi nella cassa previdenziale di categoria con aliquota tra il 16 e il 18 per cento. Altri si sono già attivati per confluire nella gestione previdenziale di artigiani e commercianti (aliquota al 22 e 24%).

I mazziati - Chi resta si prepari a una batosta previdenziale, perché i loro contributi finiranno nella Gestione Separata Inps (con aliquota in salita dal 27 al 33% entro il 2018) e contribuiranno a compensare il rosso della gestione dei dipendenti pubblici. Così i circa 50mila "associati in partecipazione", gli oltre 300mila co.co.co, i co.co.pro., i consulenti, i volontari del Servizio Civile e i lavoratori stagionali a voucher riceveranno una "busta arancione" decisamente magra. Il Corriere fa due esempi: un 30enne parasubordinato che andrà in pensione nel 2053 con trent'anni di contributi, ipotizzando un ultimo stipendio da 1.370 euro, riceverà 670 euro. Un 40enne co.co.co. con ultimo stipendio da 1.240 euro al mese andrà in pensione nel 2041 con 590 euro in tasca al mese.

Fregatura in vista - E occhio alla beffa ulteriore. Il meccanismo di aggancio tra versamenti contributivi e posizione previdenziale del lavoratore ha delle falle evidenti e basta una sia pur minima differenza tra quanto dichiarato e quanto effettivamente versato per far scattare l'allarme: in questo caso, l'Inps considererà nullo l'anno in questione ai fini pensionistici e dovrà essere il parasubordinato, entro soli 5 anni, a dimostrare di aver versato i soldi. L'onere della prova, senza l'onore di una pensione decente. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • isabellacasarin

    30 Luglio 2014 - 16:04

    Dove si nasconde Renzi ? Visto che vuole cambiare i'Italia! Come vuole cambiarla? Mettendo anche lui le mani nelle nostre ormai prosciugate tasche, tanto l'hanno fatto tutti i nostri governanti. Cosa da lo zuccherino di 80 euro per poi pretenderne il doppio o iltriplo se non di più dai pochi lavoratori rimasti e dai pensionati che per mangiare continuano a rovistare nell'immondizia, dov'è Renzi ?

    Report

    Rispondi

  • carlo58

    03 Aprile 2014 - 19:07

    lascio il mio commento?. piazza. e anche cattiva.

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    03 Aprile 2014 - 16:04

    Io vorrei capire quando gli Italiani si SVEGLIERANNO ed incominceranno a reagire con serietà a questa macelleria fatta dai politici. Quando si incomincerà a fare sul serio e chiedere che i signori politici e gli amministratori statali restituiscano il maltolto e con tale affermazione si intende dall'usciere alla più alta carica politica. Es: 90.000 € di pensione al mese: SCORDATELI.

    Report

    Rispondi

  • a.iacopetti

    03 Aprile 2014 - 14:02

    Quello che fa più rabbia è che i sindacati non fanno proprio niente per poter cambiare questo stato di cose. Ma tutti i maggiori sindacati non hanno i loro Patronati con cui intentare causa allo Stato per difendere almeno i diritti acquisiti ? O "il diritto acquisito" esiste solo se si toccano gli stipendi dei magistrati o degli alti funzionari dello Stato ??

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog