Cerca

Intervista a Repubblica

Marianna Madia: "Riforma degli statali, niente Jobs Act ma licenziamento per i dirigenti inadeguati"

Marianna Madia: "Riforma degli statali, niente Jobs Act ma licenziamento per i dirigenti inadeguati"

"Il Jobs act non varrà per gli Statali, il reintegro resterà nei casi di licenziamento ingiustificato ma un dirigente inadeguato potrà essere licenziato". Il ministro Marianna Madia delinea in un'intervista a Repubblica la riforma della Pubblica amministrazione, che a giorni sarà votata in Senato e che entro l'estate dovrebbe diventare legge, con i decreti attuativi approvati. La rivoluzione vera, secondo la Madia, arriverà sulle teste dei dirigenti pubblici: "Dovranno superare un concorso per l'abilitazione ed entrerà così nel ruolo unico dei dirigenti", ossia dirigenti della Repubblica e non della singola amministrazione, per rendere possibile il passaggio di un dirigente dal centro alla periferia e viceversa. A distribuire i ruoli sarà "una commissione super partes composta da tecnici, che deciderà quali sono i dirigenti adatti per un determinato incarico anche sulla base del lavoro svolto in precedenza". 

Come cambia il dirigente pubblico - La carriera di un dirigente sarà dunque soggetta a queste valutazioni, l'incarico sarà affidato per tre anni, sarà rinnovabile per una sola volta e poi si ricomincerà. Chi non verrà confermato, resterà fermo in attesa di nuova collocazione e nel frattempo potrà lavorare nel settore privato. "Ma se dopo un congruo periodo che escluda qualsiasi ipotesi di fumus perscecutionis - avverte la Madia - continuerà ad essere senza incarico perderà l'abilitazione fino a perdere il lavoro". Sui dipendenti pubblici, come detto, non graveranno le condizioni del nuovo Jobs Act: "Già oggi c'è la messa in mobilità che può portare al licenziamento. Renderemo più semplici i procedimenti disciplinari, quelli per scarso rendimento. Ci saranno procedure specifiche per contrastare i casi di assenze di massa, come quelle dei vigili di Roma lo scorso Capodanno, o di assenze sospette (tutti i venerdì o i lunedì)". L'obiettivo immediato, però, è quello della mobilità dei circa 20mila lavoratori delle Province non più necessari dopo la riduzione delle competenze provinciali. "Sarà il grande banco di prova della Pubblica amministrazione - conclude la Madia -, i lavoratori andranno dove c'è bisogno e non dove prevede una statica pianta organica". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sebin6

    16 Marzo 2015 - 19:07

    come dice giustamente arwen i "dirigenti" spesso incompetenti sono di nomina o raccomandazione politica, molti sono politici trombati altri parenti e amici della casta; chi si ricorda della persona assunta alla ASL come portantino e diventata dirigente nel giro di qualche anno. Poi, a chi spetterà giudicare ed eventualmente licenziare un dirigente? Forse al politico che lo ha assunto?

    Report

    Rispondi

  • pinux3

    16 Marzo 2015 - 18:06

    Licenziare i dirigenti statali inadeguati? Sarebbe ora... Basta pensare che chi ha fatto fallire l'Alitalia è andato in pensione con una liquidazione milionaria (in euro...).

    Report

    Rispondi

  • arwen

    16 Marzo 2015 - 14:02

    Vedo tanti che si scagliano contro gli impiegati pubblici.....ma siete a conoscenza del detto "il pesce puzza dalla capa"? Se l'impiegato è neghittoso c'è, sopra di lui, un dirgente inetto o, peggio, connivente. E chi sono i dirigenti? Sono tutti di nomina politica. Quindi nn è una questione di norme, che ci sono, ma di chi le faccia rispettare! Praticamente il problema dell'Italia di oggi!

    Report

    Rispondi

    • pinux3

      16 Marzo 2015 - 18:06

      Finalmente un post sensato...

      Report

      Rispondi

  • maxdemax

    maxdemax

    16 Marzo 2015 - 13:01

    tanto non cambia nulla . . si gratano la schiena a vicenda. Figurati se licenziano qualcuno.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog