Cerca

Il convegno

Bari capitale dello human capital management

Bari capitale dello human capital management

Nel Sud Italia sta accadendo qualcosa di unico: un ragazzo poco più che 30 enne, Pasquale Davide de Palma (Founder di Das HumanKapital), ha deciso di provare a realizzare il suo sogno con coraggio, passione ed intelligenza. Così ha organizzato con il supporto dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro, di Aidp, Aip, Siplo e Banca Mediolanum, un convegno internazionale tenutosi a Bari il 20 aprile 2015: un meltinpot perfetto di realtà locali ed internazionali che ha come obiettivo quello di fare rete e di promuovere ricerca.

La giornata, iniziata con i saluti del Magnifico Rettore prof. Antonio Auricchio, della Direttrice di Dipartimento di Psicologia Rosalinda Cassibba e di Giancarlo Tanucci, Docente di Psicologia del Lavoro e dell’Organizzazione che ha fortemente voluto la giornata. È proseguita con uno stampo dapprima accademico con  Nigel Nicholson (il massimo esperto mondiale di comportamento organizzativo e dovente presso la London Business School) e in seguito aziendale con ben quattro tavole rotonde a cui hanno partecipato accademici, hr e manager da tutto il mondo: Complexity in Organizations, Love your work, The Future of human capital management e Future Prospects. Oltre 22 relatori si sono susseguiti accompagnando la platea in un percorso in crescendo nel mondo dello human capital management.

La prima tavola rotonda 'Complexity in organizations' ha visto il contributo dei docenti prof. Sarchielli e prof. Scaratti rispettivamente dell'università di Bologna e dell'Università Cattolica di Milano, Alessandro Cravera (Partner Newton Management Innovation - Gruppo Sole 24Ore), Nicola Costantino (CEO Acquedotto Pugliese), Gaetano Veneto (Presidente Centro Studi Diritti dei Lavori) e Giacomo Pisani (Giovane Filosofo italiano), che hanno disegnato lo scenario di complessità a cui la globalizzazione ha condotto: negli ultimi 15 anni la crescita economica si è bloccata e la produttività oggi deve essere rivisitata analizzando le implicazione dello human capital management nel mondo della complessità. Il leader abbandona il suo ruolo centrale trasformandosi in molteplici contesti che permettano l'evoluzione delle aziende in contesti competitivi. Come? Guidando le persone a diventare protagoniste del proprio lavoro e della propria vita professionale. Il modello di leadership deve incentrarsi sulla valorizzazione delle competenze, recuperando la teoria della "servant leadership" (Il Servant leader è prima di tutto un servo, nel senso che pone come suo interesse primario, la cura nel servire e nel soddisfare i bisogni delle persone che gli stanno intorno) focalizzandosi sulle performance e sul benessere organizzativo del lavoro in un Agape del lavoro.

La seconda tavola rotonda 'Love your work' ha assunto carattere più tecnico con i contributi di Maria Cesaria Giordano (Cofounder Das HumanKapital), Vito Carnimeo (Cofounder Das HumanKapital), Rosario Izzo (Hr Director Group Tecnoinvestimenti ), Giuseppe Luongo (HR Specialist – Ferrovie Apulo Lucane e Responsabile Nazionale AIDP GIOVANI) e Marina Mastromauro (Ceo Granoro). Il management system sta cambiando: le aziende assumono solo lavoratori motivati e ambiziosi i cui valori si integrano con i bisogni delle aziende è molto più importate cosa i lavoratori pensano che ciò che i lavoratori sono capaci a fare. Oggi il successo è possibile sono se condiviso dai lavoratori: il capitale umano diventa determinante nella produttività aziendali ed è la vera e propria ricchezza dell'azienda.
A chiudere questa tavola rotonda i contributi di Marina Mastromauro, Ceo Granoro, che confessa come amore e rispetto siano gli ingredienti fondamentali del successo di Granoro, e Pasquale Davide de Palma promotore dell'evento che emoziona la platea con la sua passione e con la sua storia. Una passione che lo ha portato in giro per il mondo tra premi e pubblicazioni e che oggi si concretizza in una proposta concreta: il People Performance Plan, piattaforma di social intelligence e di social collaboration. Piattaforma che ha come idea portante la virtualizzazione dell’azienda che aiuta il mondo della gestione del personale nelle prassi quotidiane, una idea rivoluzionaria che parte dal basso, nell’idea di rimettere al centro l’uomo che lavora.

A seguire una tavola rotonda su ‘The Future of human capital management', che ha tracciato uno scenario che varca i confini dell'Italia grazie ai contributi di Fermin Diez (CEO & Group Director National Council Social Service - Singapore) che delinea la situazione del management asiatico, Sandeep Apte (Founder a Persona HR - India) che ci definisce il punto di vista delle realtà indiane e del concetto di talento come processo di transizione e Francisco Diaz Bretones (Università di Granada-Spagna e Università di Guayaquill - Ecuador), in una visione unitaria di diffusione del benessere su scala mondiale tramite interconnessioni oggi possibili. I lavoratori dimostrano abilità, dinamismo che influiranno nel management del futuro in modo esponenziale.  Le conclusioni sono state affidate ai casi aziendali: Vincenzo Lioce (Human Resorce Manager Getrag), Isabel Zamorano Castro (eadership Development Manager at Fiat Chrysler Automobiles), Fernanda Peterson ( Operations Manager Articolo1), Pietro Scrimieri (HR Acquedotto Pugliese SpA), in un quadro pratico ed esplicativo delle reali problematiche aziendal e degli approcci futuri del management, emozionante l’intervento di Zamorano Castro che ha posto come tema portante del suo intervento il ruolo della donna portando l’esperienza vissuta e viva in FCA.

La giornata si conclude con nuovi progetti, spunti di riflessione e un aperto dibattito che si è chiuso come un cerchio perfetto con l'intervento vulcanico di Pieter Haen (Past President World Federation of People Management Association) che ha disegnato lo scenario futuro con le sue criticità e ancora di Nigel Nicholson che ha scelto di porre l’attenzione su alcuni dei temi trattati durante la giornata come prospettiva futura. "Vogliamo tracciare le nuove best practice dello human capital management, e lo vogliamo fare condividendo le esperienze di accademici, tecnici e manager provenienti da tutto il mondo" sostiene Davide de Palma, e prosegue: "Il convegno del 20 aprile presso l'Università di Bari fortemente voluto dalla prof. Amelia Manuti e dal prof. Giancarlo Tanucci, è solo il punto di partenza di questa ricerca e l'Università di Bari è assolutamente pronta a diventarne il cuore pulsante insieme a Das HumanKapital, ponendosi al centro del dibattito mondiale. Abbiamo portato Bari nel mondo, abbiamo riportato l’Italia e la gestione del personale italiana protagonista nel mondo, ci vediamo il 20 aprile 2016… chiaramente a Bari".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog