Cerca

L'Inps e la riforma

Tito Boeri, così si cambia la legge Fornero: "In pensione fino a tre anni prima, con il 3% in meno"

Tito Boeri, così si cambia la legge Fornero:

Sulla flessibilità in uscita "ho parlato con il presidente Renzi pochi giorni fa: c'è interesse e preoccupazione per i conti". Parola di Tito Boeri, presidente dell'Inps intervistato nel videoforum sul Corriere.it. "Abbiamo bisogno di intervenire adesso" e di cambiare la legge Fornero, ribadisce Boeri ricordando che la sua proposta prevede di andare in pensione 3 anni prima con delle riduzioni "di circa il 3% in meno per ogni anno di anticipo", quindi "se si va tre anni prima si perderebbe massimo il 9 per cento".

Come convincere l'Europa - Boeri spiega che l'unico problema con Bruxelles "dando più flessibilità è che aumenta la spesa o l'indebitamento". Dunque la soluzione potrebbe essere quella di fare "un primo passo e farsi certificare, magari dall'Ufficio parlamentare di Bilancio che una riforma come questa non ha effetti di lungo periodo sui conti previdenziali. Una certificazione che poi si potrebbe portare in Europa", propone. Il presidente dell'Inps è tornato anche sulle parole del ministro del Lavoro Giuliano Poletti, che aveva detto che all'Istituto spettano le proposte, al governo le decisioni: "Quando un governo decide, è un fatto molto positivo", ha detto, osservando peraltro che il ministro "ha detto anche che noi possiamo fare proposte, una cosa non ovvia, visto che più di una volta persone ci hanno detto che non possiamo farle". Tornando alla flessibilità, "da presidente Inps la cosa che mi pone più a disagio è quando il governo non decide". Detto ciò il suo rapporto con l'esecutivo è "utile e proficuo", soprattutto con le amministrazioni. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog