Cerca

La mossa del Codacons

Blocco degli stipendi statali, ora c'è il ricorso al Tar: "10.400 euro a ogni lavoratore"

Blocco degli stipendi statali, ora c'è il ricorso al Tar: "10.400 euro a ogni lavoratore"

Il Codacons ha presentato il primo ricorso collettivo al Tar del Lazio contro il blocco degli stipendi nel pubblico impiego. Lo annuncia l'associazione in un comunicato, nel quale ricorda che "nulla è stato fatto a distanza di oltre un anno dall'esecutività della sentenza della Corte Costituzionale", che aveva dichiarato illegittimo a partire da luglio 2015 il blocco del rinnovo della contrattazione collettiva per il personale pubblico.

Per tale motivo il Codacons ha presentato un ricorso collettivo al Tar del Lazio "finalizzato - si legge - ad ottenere la condanna al
risarcimento del danno subito da ciascun ricorrente per il periodo compreso tra il 30 luglio 2015 e tutt'oggi, e alla corresponsione di un equo indennizzo, a compensazione del sacrificio imposto ai ricorrenti per effetto del mancato adeguamento del trattamento
economico-stipendiale, per il periodo compreso tra il 1° gennaio 2010 e il 30 luglio 2015, anche a titolo di arricchimento senza causa dell'amministrazione, per un totale complessivo di 10.400 euro a lavoratore", conclude la nota dell'associazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Oscar1954

    17 Agosto 2016 - 13:01

    Renzi per vincere il referendum deve avere i voti degli statali. Quindi prepariamoci ad altre tasse. Certo che governare come stanno facendo renzi e i suoi amici compagni comunisti sarebbe capace anche mio nipote di 6 anni, coll'indubbio vantaggio che costerebbe al popolo molto ma molto meno di questa banda di somari.

    Report

    Rispondi

  • Vittori0

    17 Agosto 2016 - 09:09

    ...traduzione: se voi vincere il Referendum con un SI ,sgancia i soldi!!...mi sfugge il termine,ma come si chiama questo comportamento??...

    Report

    Rispondi

  • arwen

    17 Agosto 2016 - 07:07

    Ma che saremmo arrivati alla Grecia era cosa nota. Fin dal giorno in cui sua maestà Giorgio I ci impose la dittatura in loden. Il problema è che il governo, attuale e precendti, hanno completamente cannato i conti. Bloccare gli scatti è illecito, e certon nn li puoi bloccare a vita. Le stime sulla crescita erano e sono completament errate e prive di fondamento. Il risultato è un disatro.

    Report

    Rispondi

  • maxdemax

    maxdemax

    16 Agosto 2016 - 22:10

    Attenzione che arriviamo alla Grecia, stipendi degli statali ridotti al 30% - oppure crack dello stato e tutti a ZERO. Continuano a giocare come se il denaro crescesse nel orto. Comunque vada l'ITALIA è fallita. Non è SE ma QUANDO. Mese più mese meno, diciamo fra 24 mesi.. o 36 ma ci arriviamo.

    Report

    Rispondi

blog