Cerca

Polemiche sull'Ape

Pensione in anticipo, il governo frega tutti: fino a 1.350 lordi, ma con 30 anni di contributi

Pensione in anticipo, il governo frega tutti: fino a 1.350 lordi, ma con 30 anni di contributi

Il tetto per ottenere l'anticipo pensionistico senza penalizzazioni sarà di 1.350 euro di reddito personale lordo, ma con 30 anni di contributi maturati se disoccupati (36 se attivi) e non più 20, come ipotizzato inizialmente. Lo ha riferito il segretario confederale della Uil, Domenico Proietti, presente all'incontro a palazzo Chigi tra governo e sindacati. E se la Uil è cauta ma moderatamente soddisfatta, dalla Cgil è partito l'attacco: "Il governo si rimangia la parola".

Come funziona l'Ape - "La cosiddetta Ape Social si potrà chiedere se si ha una soglia di reddito compresa fino a 1.350 euro lordi - ha detto Proietti -. Il lavoratore non paga niente, interviene lo Sato". I sindacati chiedono, però, che tale livello sia alzato. Le misure sulle pensioni - ha riferito Proietti - saranno inserite nella legge di stabilità. Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Tommaso Nannicini, ha confermato ai sindacati che il governo stanzierà 1,5 miliardi nel 2017 e 1,6 nel 2018 per complessivi sei miliardi nel triennio. Con un reddito previdenziale lordo di 1.350 euro il lavoratore potrà andare in pensione prima senza penalizzazioni; in caso di un reddito superiore si pagherebbe la rata dell'anticipo per la parte eccedente i 1.350 euro. Proietti ha affermato che "è stato fatto un buon lavoro" nonostante "le criticità" su cui i sindacati continueranno "a fare pressing".

Il nodo dei 30 anni - Nelle intenzioni del governo - ha riferito ancora Proietti - la rata di rimborso per l'Ape (Anticipo pensionistico) volontaria sarà del 4,5/4,6. L'esecutivo ha assicurato che saranno stanziate le risorse necessarie "che dovrebbero essere contenute", ma non ha fornito cifre specifiche. All'Ape sociale potranno accedere coloro i quali hanno svolto lavori gravosi, come maestre della scuola dell'infanzia, lavoratori edili, macchinisti, infermieri di sala operatoria; dovranno aver maturato 30 anni di contributi in questi mestieri se disoccupati e 36 anni se attivi. "Abbiamo chiesto di ampliare la platea - ha riferito Proietti - e di limare gli anni di contributo. La discussione è ancora in corso". Il sindacalista si è detto invece soddisfatto di quanto ottenuto per i lavoratori precoci: chi ha iniziato a lavorare prima dei 19 anni e ha 41 anni di contributi, se disoccupato e se ha svolto lavori faticosi potrà andare in pensione. Bene, infine - ha concluso - l'eliminazione della penalizzazione per chi è andato in pensione prima dei 62 anni".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blaschino

    14 Ottobre 2016 - 20:08

    che schifo voterò no che questo governo vada a casa subito,si rimangiano le parole .Voterò no con la speranza che Renzi vada fuori DALLE SCATOLE PAGLIACCI

    Report

    Rispondi

  • infobbdream@gmail.com

    infobbdream

    14 Ottobre 2016 - 20:08

    ma, chi ha cominciato a lavorare a 19 anni quando andrà in pensione? con i 41, 42 o 43 o 44 anni, non si capisce niente!!!, si capisce che i bamboccioni statali o chi ha potuto studiare fino a a 30 anni hanno agevolazioni fiscali e possono andare in pensione come chi di contributi ne versa ben 15 anni in più. ma chi fa queste leggi i mentecatti della cgil?? lavori usuranti,x i poliziotti magari???

    Report

    Rispondi

  • enza53

    enza53

    14 Ottobre 2016 - 16:04

    Altra legge a favore degli statali che garantiscono voti, ma contro le donne ed i lavoratori del privato. Sono nata nel 1953, ho lavorato nel privato per 25 anni con il sistema contributivo, sono disoccupata ed ho appena terminato la mobilità. Andrò in pensione nel 2020, grazie alla Fornero. Speravo nell'APE Social ma ancora una volta siamo state fregate. Innanzitutto, Renzi ciaone al 4-12-2016...

    Report

    Rispondi

  • giorgio59

    14 Ottobre 2016 - 16:04

    "cetto laqualunque " renzi e la sua banda sono andati fuori di matto, non c'è più niente da fare lavoro usurante le maestre di asilo è una offesa all'intelligenza degli altri 6 miliardi di persone che popolano il pianeta, ovviamente per il voto si fa di tutto dobbiamo quindi aspettarci che prometta di venire a ridipingere gratis i nostri appartamenti nella migliore tradizione di cetto laqualunque,

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog