Cerca

Sindacato spaccato

La Fiom irrompe al congresso CGIL
Volano insulti, spinte e calci
Contestata la Camusso

Cremaschi non è stato invitato: "Presenterò un esposto alla Procura della Repubblica. Sta distruggendo la Cgil"

La Fiom irrompe al congresso CGIL
Volano insulti, spinte e calci
Contestata la Camusso

Sono volati insulti, spintoni e qualche calcio all’attivo regionale della Cgil in corso al teatro Parenti di Milano alla presenza del segretario generale del sindacato, Susanna Camusso. Giorgio Cremaschi, storico esponente della Fiom, ha fatto irruzione in sala insieme a una decina di altri esponenti della categoria. "A questa assemblea non è stata invitata la Fiom, è un’assemblea assurda di coloro che sono per il sì", ha detto Cremaschi, dopo alcuni attimi di tensione con il servizio di sicurezza, facendo riferimento all’accordo sulla rappresentanza. "Volevamo che un nostro delegato potesse formalmente intervenire e hanno reagito con la violenza fisica - ha aggiunto - per cui presenteremo denuncia alla Procura della Repubblica". Anche Susanna Camusso, secondo Cremaschi, "è responsabile" delle tensioni: "E' venuta da noi, le abbiamo chiesto di intervenire e non ha fatto nulla", ha spiegato. 

Urla e spintoni sono andati in scena sotto gli occhi di giornalisti e telecamere, mentre in sala proseguono i lavori di uno degli incontri in vista del congresso; Franco Stasi, segretario organizzativo della Cgil Lombardia, è stato accompagnato fuori dalla sala in braccio, denunciando di essere stato colpito a una gamba ("non ho mai dato uno schiaffo a nessuno", ha replicato Cremaschi). Lo storico esponente Fiom e i suoi, con cartelli al collo per denunciare 'gli accordi bavaglio', hanno duramente contestato l'accordo sulla rappresentanza. "Abbiamo presentato un volantino - ha detto ancora - che ricorda che oggi è il trentesimo anniversario del decreto Craxi, che abolì la scala mobile. Riteniamo che l’accordo del 10 gennaio sia altrettanto grave, sta distruggendo la Cgil". E a chi gli chiede se sia ipotizzabile una scissione dalla Cgil Cremaschi risponde: "Per quel che mi riguarda, ci devono proprio cacciare". Per il rappresentante dei metalmeccanici l’accordo sulla rappresentanza "sta distruggendo la Cgil".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rendagio

    14 Febbraio 2014 - 23:11

    questi non se menano , si stanno scambiando solo affettuosi , gesti di simpatia , loro si amano, mai epopi mano si farebbero del male....sono compagni rosso sangue

    Report

    Rispondi

  • rendagio

    14 Febbraio 2014 - 23:11

    a lungo andare anche i compagni si sono resi conto che questa..pseudo Zarina comunista , pensa soloa cazzi sua.. e chi prende la tessera la paga saporosamente..bravi , m ail giocheto si e´rotto..ehehehehhe

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    14 Febbraio 2014 - 22:10

    e ancora oggi mi chiedo perchè non l'ho fatto prima.

    Report

    Rispondi

  • ego1

    14 Febbraio 2014 - 19:07

    scioglietevi, sparite che siete solo un centro di potere-parassita e mangiasoldi!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog