Cerca

Il Falasca-Libero 1

Piccola guida ragionata agli ammortizzatori sociali

Il Falasca-Libero 1
Ammortizzatori sociali. Quando si parla dei problemi del lavoro nessuno resiste alla tentazione di invocare la riforma degli ammortizzatori sociali; quale che sia il tema - per esempio il precariato o i licenziamenti collettivi - da destra a sinistra sono tutti d’accordo: occorre riformare gli ammortizzatori sociali. Ma siamo certi che tutti sanno di cosa parlano? Il significato della nozione, in effetti, non è così scontato.
Cercando di semplificare al massimo, possono definirsi ammortizzatori sociali tutti i trattamenti economici pagati dallo Stato per sostenere il reddito delle persone rimaste prive di lavoro. Gli istituti esistenti sono diversi. Mediante la Cassa integrazione guadagni (ordinaria, straordinaria, in deroga: tutte varianti del medesimo istituto), le imprese possono sospendere per un certo periodo i rapporti di lavoro, senza licenziare i dipendenti; durante il periodo di sospensione, i lavoratori prendono un’indennità dall'Inps. L’indennità di mobilità e 'indennità di disoccupazione sono, invece, trattamenti economici pagati a chi è stato licenziato. Tutti questi istituti, nel 2009, hanno attutito (ops, ammortizzato) le conseguenze della crisi, ma hanno un grave difetto: sono stati costruiti intorno all’impresa industriale, trascurando il terziario e i servizi, e nel tempo sono stati estesi a situazioni particolari e contingenti, senza un disegno preciso. Ne è uscito un sistema a macchia di leopardo, che copre in maniera diseguale situazioni eguali. Come superare questa frammentazione? Serve la riforma degli ammortizzatori sociali, of course.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog