Cerca

Lavoro, i giovani sognano il posto fisso

Altro che bamboccioni: pensano di lasciare la famiglia entro i 30 anni per vivere da soli

Lavoro, i giovani sognano il posto fisso
Ormai il contratto a tempo indeterminato sembra un lontano ricordo. Ma i giovani, come emerge da una ricerca della Confcommercio presentata a Venezia nel corso del Forum dei Giovani imprenditori, ci sperano ancora. Anzi: ben il 60% di loro è convinto che entro i 30 anni riuscirà a svolgere il lavoro che gli piace o quello per cui ha studiato e si sta impegnando. Addirittura dai risultati emerge che 1 giovane su due vorrebbe “il posto fisso”. Quelli che invece sono già inseriti attribuiscono al posto fisso, oltre una grande importanza, elementi come: “sicurezza e reddito”.

Il posto fisso riscuote la maggiore preferenza dei giovani (46,2%), segue la possibilità di svolgere un lavoro autonomo (37,7%) e quella di svolgere un lavoro interessante e in linea con le proprie aspettative (28,5%). La speranza poi è quella di avere, forse, uno status sociale migliore rispetto a quello della propria famiglia di origine, un lavoro di maggiore prestigio, a guadagnare di più rispetto a quanto non guadagnassero i propri genitori. A questi però si aggiungono anche giovani con una visione più negativa: il 26,5% non sa se e quando riuscirà ad affermarsi nel lavoro e nella professione cui aspira. Dato che indica un certo disagio giovanile da non sottovalutare ma, comunque, meno ampio rispetto al modo con il quale viene spesso dimensionato e dipinto.

Ma nella visione positiva dei giovani circa il proprio futuro e alla prospettiva di carriera, il 49,4% ) fonda queste aspettative su fattori legati alla famiglia e ai propri genitori e il 42%, invece, si affida alla rete di relazioni e conoscenze personali o della famiglia. Il 35,6% ritiene utile la formazione scolastica e universitaria. Molto basso (15,9%) è, invece, il livello di fiducia nei politici e nella possibilità della politica di influire concretamente sul proprio destino lavorativo o professionale o di contribuire in qualche modo a migliorare la propria condizione sociale. Proprio nei confronti della politica, la maggior parte dei giovani vive, infatti, un rapporto distante che, per oltre un quarto di essi (26,6%) diventa di assoluta indifferenza. Anche i giovani imprenditori mostrano una certa distanza dalla politica : più del 77% di questa categoria è del tutto disinteressato a svolgere attività politica vera e propria. Elementi, questi che si riflettono anche in certi comportamenti come non seguire i dibattiti politici o non parlare di politica. 

Per quanto riguarda l'intenzione di "mettere su un’impresa", quasi il 16% dei giovani desidererebbe aprire una propria impresa entro i prossimi 5 anni. Si tratta di un desiderio forte, associato all’idea di mettersi in gioco e di far valere ciò che si è e ciò che si è imparato, spesso con l’esperienza sul campo.
Però i giovani sono anche disposti a fare dei sacrifici per svolgere il lavoro dei propri sogni: il 38,5% sarebbe disposto a ridurre il proprio tempo libero, il 35% a trasferirsi a tempo indefinito, il 29,8% a rinviare il matrimonio, il 29,7% a spostarsi geograficamente per un periodo limitato, il 24,5% a posticipare l’età in cui avere dei figli. Scelte in linea, peraltro, con un dato che sembrerebbe smentire la fama di bamboccioni dei giovani d’oggi, ovvero quello secondo cui quasi la metà dei giovani (il 45%) è convinto che entro i 30 anni lascerà la propria famiglia di origine per andare a vivere da solo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • FRANSUA

    20 Settembre 2010 - 16:04

    IL 3MILLENNIO: L'ALTRA META DI POTERE CHE LO STATO E GOVERNO NON CONOSCE!!!! l'era che riportera serenita e tranquillita!!! SCRIVETE SU FACEBOOK IL 3MILLENNIO

    Report

    Rispondi

  • Lamb

    20 Settembre 2010 - 11:11

    Coloro che si lamentano dei giovani che vogliono il contratto a tempo indeterminato casualmente hanno loro stessi il posto fisso... Bene, bene, se trovate che sia così negativo che ne direste di andarvene, rinunciando così a sicurezza e lavoro per lasciare posto ai giovani meno "fortunati"? Ve ne saremo grati, ve l'assicuro. F.to un giovane col posto fisso (da un anno, prima tre anni da precario).

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    20 Settembre 2010 - 10:10

    I giovani sognano un posto di lavoro, prima di tutto. Se é fisso, meglio, poiché le paghe sono così basse che restare disoccupati vuol dire non mangiare (e non far mangiare la famiglia). Ormai siamo allo sbando sociale con questo governo ancora pieno di gente di malaffare. Andate a vedere le statistiche dei poveri, dei giovani disoccupati (26 %), delle paghe europee e italiane. Non fatevi raccontar balle da chi ''sono uno dei vostri'', come disse alla Confindustria. Cioè 'lavorate gratis'

    Report

    Rispondi

  • villiam

    19 Settembre 2010 - 21:09

    per forza vogliono il posto fisso, è quello che promette la sinistra,darsi da fare per imparare un lavoro ?no vero troppo faticoso ,meglio fare un pò i precari,fare qualche manifestazione appoggiata dalla sinistra ,e pretendere un bel posto fisso,con ferie, non licenziabilità,ci sono i sindacati,assenteismo a gogo ,fregarsene se si ruba lo stipendio,una buona pensione,un buon licenziamento,libertà di fare cazzate di ogni genere,tanto i giudici ti riammettono sempre al tuo posto,e doveri? non è contemplata questa materia,evviva, grazie sinistra,peccato che di posti di lavoro tu non ne abbia mai creati,hai creato ,si, tanti fancazzisti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog