Cerca

Ma di lavoro in Italia ce n'è: ecco come trovare i posti vuoti

Ecco tutti i giacimenti da sfruttare: le posizioni lavorative non coperte per mancanza cronica di qualificazione

Ma di lavoro in Italia ce n'è: ecco come trovare i posti vuoti

L'Istat ha appena diffuso dati sconcertanti e drammatici sui livelli di disoccupazione record in Italia. Ma nel nostro Paese, come spiega il giuslavorista del Pd Pietro Ichino in un commento sul Corriere della Sera, esistono enormi giacimenti di occupazioni non sfruttati. Il loro sfruttamento, spiega, "richiederebbe investimenti che sono certamente alla nostra portata". Il primo di questi giacimenti è costituito dagli 'skill shortages', ossia i posti di lavoro che restano "permanentemente scoperti per mancanza di manodopera dotata della qualificazione necessaria per occuparli".

Gli scoraggiati - Secondo l'ultimo censimento svolto da Unioncamere, in Italia, nel 2011 risultavano 117mila posizioni di lavoro disponibili, sparse in tutte le regioni del paese, distribuite in tutti i settori e tra tutti i livelli professionali. La stima di Unioncamere è significativa: per ogni disoccupato che cerca lavoro ci sarebbero almento tre lavoratori scoraggiati, ossia potenzialmente interessati a trovare un lavoro ma che non ci provano neppure. Di pari passo viaggiano gli imprenditori scoraggiati, ossia quelli che avrebbero bisogno di personale qualificato, ma che considerano tanto imporobabile trovarlo che non fanno neppure inserzioni sui giornali o richieste all'agenzia di collocamento.

Il lavoro settore per settore - Sul totale di questi 117mila posti vacanti, il 26% della manodopoera qualificata viene cercata dall'industria; segue il settore delle costruzioni con il 16% e quindi il commercio con il 14 per cento. Una fetta consistente è quella relativa ad alloggio e ristorazione 11%), quindi sanità (7%), trasporto e logistica (6%), informazioni e comunicazione (3%) e credito, finanza e assicurazioni (2%). Il restante 15% della manodopera mancante appartiene agli altri settori.

Investimenti stranieri - Ichino indica poi un altro giacimento da cui "potremmo trarre flussi di centinaia di migliaia di nuove assunzioni ogni anno", che è quello costituito dagli investimenti stranieri, "che l'Italia è stata fin qui drammaticamente incapace di attrarre". Da questo punto di vista, sottolinea il giuslavorista, "in Europa solo la Grecia ha fatto peggio di noi nell'ultimo ventennio. Se soltanto fossimo stati capaci di allinearci a un Paese mediano nella graduatoria europea, come l'Olanda, nell'ultimo quinquennio prima dello scoppio della crisi - sottolinea Ichino - questo avrebbe significato un maggiore afflusso di investimenti nel nostro Paese pari a 57,6 miliardi annui". Con inevitabili ricadute positive a livello occupazionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • franz1957

    07 Aprile 2012 - 08:08

    Quando leggo che in Italia ci sono migliaia e miglia di posti di lavoro liberi per mancanza di candidati mi vien da ridere, anche se putroppo l'argomento è serio. La risposta è semplice: Quei candidati non si trovano perchè non sono ancora nati. Basta dare una occhiata alle migliaia di annunci di lavoro che si trovano nei vari giornali dove ad esmpio si ricercano figure molto giovani con anni di esperienza, cassaintegrati, con laurea a pieni voti e si offre un contratto di lavoro a tempo determinato di un mese forse rinnovabile. Questo è l'emblema dello sfruttamento e non la possibile soluzione a problemi di occupazione.

    Report

    Rispondi

  • vincenz1951

    05 Aprile 2012 - 11:11

    non è per niente una congiura ,molto più semplice ,è una convenienza delle agenzie lavorative che forniscono loro il lavoro ,una bella indagine in queste agenzie e a tutti i contratti di lavoro e capire perché a noi ITALIANI non non danno neanche il lavoro di volantinaggio

    Report

    Rispondi

  • robbyieh

    03 Aprile 2012 - 06:06

    Io abito a Milano in zona 'movida' e constato che c'e' un'infinita' di locali tutti abbastanza pieni che danno lavoro letteralmente a un oceano di extracomunitari. Cuochi, camerieri, baristi e anche maitres e gestori. Dobbiamo pensare che c'e' una congiura dei titolari per non dare lavoro agli italiani? Come hanno fatto a mettersi tutti d'accordo senza che nessuno se ne accorgesse?

    Report

    Rispondi

  • m.d.

    02 Aprile 2012 - 22:10

    Facile dire che il lavoro ce ... peccato che per trovarlo bisogna avere lo sponsor... giusto, io non cerco un lavoro ma uno sponsor!!!!!. Se la finanza oggi va a cercare chi evade fin'ora cosa ha fatto? Bhe un idea la posso dare andate a cercare gli sponsor politici, sindacali cosi ci facciamo 4 risate e probabilmente si libera qualche posto di lavoro....anche per noi senza sponsor !!!! Ma siccome la legge e uguale per tutti..... o quasi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog