Cerca

L'appunto

Facci: un giorno
di ordinaria
informazione

Su Ipad, Facebook, Twitter, internet centinaia di notizie senza alzarsi dalla sedia

Ventiquattro ore di news: dal cinese piroettante a Elkann vestito d'azzurro, dalle nomine Rai alle violenze al Cairo, dal bambino scomparso a Hitler con problemi di flatulenza
Facci: un giorno
di ordinaria
informazione

Andreotti non è morto. Usain Bolt ha fatto un disco. Ilaria D’Amico ha fatto un romanzo. Un australiano di 97 anni si è laureato. I sardi voteranno per dieci referendum. È uscito il nuovo smartphone della Samsung. Scontri e violenze al Cairo. È scomparso un 11enne milanese. Un orso bianco ha nuotato per 270 chilometri. Studenti canadesi nudi contro le tasse. Nello zoo di Washington un’elefantessa suona l’armonica. Una bidella di Empoli era una falsa cieca. Berlusconi ultimamente si alza alle 9. Il camorrista Sandokan aveva un comodino d’oro. Ieri Lapo Elkann era vestito d’azzurro. In Albania manifestano contro il Trota. Thiago Silva salterà il derby. In Messico hanno ucciso tre reporter. Nomine Rai slittate di un mese. Un cinese di 6 anni ha fatto 30 piroette in 13 secondi. Gli azzurri andranno ad Auschwitz. Il cellulare di Monti ha interferito coi microfoni. I detenuti di Yacolt (Usa) possono tenere gatti in cella. Sotto torchio lo zio di una donna uccisa nel barese. Hitler aveva problemi di flatulenza. Forse Vieri ha una nuova fidanzata. Forse Belen si è ritoccata. Tutto questo sul desktop, sul portatile, sul tablet, sul cellulare, sull’home page, sull’Ansa, su Facebook, su Twitter, in tv, senza alzarsi dalla sedia.

milano

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • wilegio

    wilegio

    07 Maggio 2012 - 00:12

    Libero fino a non molto tempo fa era asservito al governo monti. Oggi comincia a ribellarsi: allelujah! Avevo scritto al Direttore chiedendogli come mai, viste le implicite critiche al governo dei tecnici più volte espresso, Libero non prendesse una posizione di aperta contrarietà all'esecutivo. Oggi sembra farlo. Ovviamente non è stato mio il merito, ma posso solo compiacermi del fatto che non sono il solo ad augurarmi una pronta caduta di questo infame governo.

    Report

    Rispondi

  • ansimo

    06 Maggio 2012 - 19:07

    I lettori hanno sempre letto il giornale o visto la tv seduti da qualche parte mentre i giornalisti giravano il mondo per cercare notizie da fornire a chi era comodamente seduto. Il problema è che oggi anche tantissimi giornalisti stanno comodamente seduti in scrivania o in comode poltrone e scrivono articoli su notizie apprese tramite i nuovi mezzi di comunicazione. Il grande Feltri un giorno ebbe a dire che i suoi giornalisti non li mandava in zone di guerre a rischiare la vita per informare i lettori, gli articoli li faceva scrivere stando seduti dietro una scrivania. Grande giornalismo quello del sentito dire.

    Report

    Rispondi

  • bisnonna!

    06 Maggio 2012 - 11:11

    Forse è per quello che il lato B ( deretano ) continua ad allargarsi! Ora abbiamo anche l' e-book. Ecco, ci mancava proprio!

    Report

    Rispondi

  • cittadino del mondo

    05 Maggio 2012 - 17:05

    Senza contare che su alcuni quotidiani c'è la ricerca spasmodica del morto suicida quotidiano, a causa della crisi o meglio a causa del governo Monti. Tra il futule e il meschino non so cosa sia peggio.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog