Cerca

Giochi di luce nella notte

I writers colorano le città

Giochi di luce nella notte

Milano, Bologna, Roma, Napoli e Palermo sono state lo scenario di una brillante operazione artistica: 20.000 pins magnetici con luce a led hanno illuminato la notte italiana del 29 aprile. Quindici le piazze coinvolte dai segni luminosi che hanno contaminato strade, auto in sosta, pali della luce per uscire dal grigiore e riappropriarsi delle città con un tocco di colore. 'UltraT' lancia il messaggio luminoso e firma le istallazioni caratteristiche dei Led Throwers. I writers della luce chiamati LED Throwers, “lanciatori di led”,  sono un movimento nato all’interno del laboratorio Graffiti Research Lab per portare avanti l’eredità artistica dei writers utilizzando nuovi e leciti mezzi di espressione per lanciare messaggi. Il primo graffito luminoso è stato realizzato a Manhattan, New York, nel 2006 per protesta contro l’arresto di Borf, famoso writer.  Centinaia di lucine colorate hanno acceso una famosa scultura di metallo con la scritta “Free Borf”. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giornali

    02 Maggio 2009 - 09:09

    Per quel che mi riguarda, ai writer legherei le mani dietro la schiena e li costringerei con un pennellino 01 tenuto fra le labbra a ripulire i loro capolavori. Si pensi ai costi che il loro "operato" ha per la collettività, al danno per il turismo e al degrado che provocano. La "libera espressione" non deve andare a scapito del prossimo!

    Report

    Rispondi

blog