Cerca

Il caso

Sallusti, Facci: "Ecco perché l'arresto fa schifo, così come certi colleghi"

Un giornalista finisce in galera e la categoria se ne frega. Latitano anche quelli del Pdl e la Santanchè se la prende con Alfano...

Sallusti, Facci: "Ecco perché l'arresto fa schifo, così come certi colleghi"

di Filippo Facci

A un certo punto la voce di Sallusti sembrava incrinarsi tanto che qualcuno, forse, sperava nel commovente colpetto di scena: ma ignorava che la sua voce è fatta così, si còrruga poco prima di menare fendenti. E i fendenti erano meno rivolti alla classe politica - stavolta - e più ai magistrati e soprattutto ai colleghi: quelli che, a partire dai presenti, sembrava partecipassero a una qualsiasi conferenza stampa e non a una che riguardasse anche loro. Non era un collega, quello. Non poteva succedere a loro. Se un nutrito drappello di magistrati aveva chiesto il carcere solo per Sallusti - e sulla base della stessa legge non l’aveva mai chiesto per altri - non è perché volessero espressamente in carcere lui: ma perché lui non aveva voluto difendersi, anzi, se l’era espressamente cercata, anzi, anzi. «Bastava chiedere scusa» mormorava a bassa voce un giornalista del Fatto che in realtà non ci credeva neanche lui. «Scusa un cazzo» gli rispondeva un altro: e giù discussioni malfatte, tanto per confermare che non siamo una corporazione e che siamo ridotti ad accessorio del bipolarismo. 

Più tardi, finita la conferenza stampa, la discussione diveniva ecco sì, surreale: se la pericolosità sociale di Sallusti si traduce nel suo lavoro, come potrebbe lavorare semplicemente restando a casa? Come potrebbe scrivere, visto che la possibilità che «reiteri» articoli diffamatori è ciò che l’arresto dovrebbe precludergli? Discussioni così, prima di un panino cotto e formaggio. 

Più tardi, al terzo piano di via Negri, si perpetuava quello che i giornalisti amano definire «clima «surreale». Battute su battute anche se non era più il caso. I poliziotti delle scorte che non sapevano più dove andare: a un certo punto è spuntato anche Magdi Allam - con una scorta da capo di Stato - e  sembrava di stare in questura. Freddure contro Feltri, assente di lusso. Paolo Berlusconi e sua figlia Luna stemperavano l’ambiente. Nicola Porro, agli arresti redazionali, beveva Coca Cola e annullava vacanze. Daniela Santanchè sembrava dilaniata tra questioni di principio e di sentimento. 

La manifestazione - Alle 15 e 18, sotto Il Giornale, s’improvvisava una manifestazione così spontanea che nessuno aveva organizzato niente: ma niente proprio. Tutti i centocinquanta intervenuti avevano l’aria del pubblico ma non del giocatore, mancava la partita. Sallusti palleggiava da solo e partivano applausi. Abbracci, pacche sulle spalle, «stiamo a vedere che succede...». Si materializzava Ignazio La Russa, che sarebbe rimasto in zona tutto il pomeriggio. Dal numero dei manifestanti in genere si sottraggono i giornalisti, anche se in questo caso a manifestare dovevano essere anche loro.  

Scusi, può ripetere? - La telefonata di Angelino Alfano alla Santanchè è delle 16 e 19, ma ciò che lei gli ha rovesciato addosso è irriferibile. Restano i fatti: del partito non era venuto nessuno, a parte La Russa, uno che di partito oltretutto vuol farne un altro. Benché allertati, i coordinatori regionale e cittadino non si sono fatti vivi. Daniela, alla cornetta, pronuncia la parola «merda» sette volte in un minuto. Alfano di sale. Feltri passa in corridoio verso le 17, sigaretta alla bocca. Tira dritto. Altri fanno dei calcoli su quanto resterebbe dentro Sallusti se alla diffamazione (14 mesi) si sommasse anche una tentata evasione dai domiciliari (da uno a tre anni). C’è un po’ di pressing per convincerlo ad andare a casa in serata - nel senso: restandoci - e di resistere sinché l’avvocato, Valentina Ramella, non faccia una richiesta di revoca degli arresti domiciliari. Dalla svuota-carceri alla riempi-carceri. In genere si fa il contrario.  

In strada vivacchia un po’ di gente, si attende non so chi: forse la Digos che lo prelevi per portarlo a casa. Si fa il contrario anche in questo, in genere: sono loro che vengono a casa a prelevarti. Il Sallusti casalingo, formalmente, non potrebbe lavorare a meno di richiedere un «permesso di lavoro» al magistrato di sorveglianza: ma il lavoro, come detto, nel suo caso confina con la facoltà di delinquere. Basterebbe questa equivalenza eversiva - il giornalismo come pericolosità sociale - a far scattare la categoria come un sol uomo: e non come un uomo solo, quale è ora indubbiamente Sallusti. 

Daniela Santanchè è preoccupata: in serata dovrà essere a Torino e ha paura che Alessandro le scappi da casa (magari evada per comprare le sigarette) e chiede a Porro se può fargli compagnia per cena. Fuori, intanto, ciò che non appare in traiettoria con le primarie del Pd – pardon, primarie di coalizione – sembra non esistere. Stanno arrestando il direttore di un quotidiano occidentale per un articolo che non ha neppure scritto: ma gli aggiornamenti sui regolamenti del ballottaggio contano di più. Il Corriere.it mette la notizia in secondo piano, dopo una fondamentale intervista a Frattini. Repubblica.it la mette come undicesima notizia. I telegiornali delle 20 snobbano discretamente: stessa ora in cui a Milano comincia a piovere. E l’avrà pensato anche Sallusti: meglio restare a casa.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lella64

    02 Dicembre 2012 - 23:11

    vergognatevi tutti quanti,colpireste vostra madre pur di colpire berlusconi,che in questa faccenda non centra nulla.Forse per molti di voi la sua unica colpa è di dirigere un quotidiano della famiglia berlusconi.Quanta pochezza che leggo nei blog postati ,e quanta ignoranza!Se fosse stato arrestato per lo stesso reato il direttore dell'unità saremmo quì a scrivere un'altra storia.Ma possibile che certa gente non veda al di là del proprio naso?E' possibile che tutto debba essere buttato in politica e non si riesca ad analizzare il problema in modo obiettivo?Di obiettivo c'è solo un giornalista (che oltretutto non è nemmeno l'autore dell'articolo incriminato )sta per essere sbattuto in galera per un reato d'opinione.Nemmeno in Burundi accadono queste cose.Ma quì siamo in Italia.POVERA ITALIA E SPRATTUTTO POVERI ITALIANI.

    Report

    Rispondi

  • simplicius

    02 Dicembre 2012 - 19:07

    facci filippo, da bettino , a silvio, ad alessandro. certo che le amicizie te le scegli bene o vuoi solo essere pagato da chi sai bene che te ne puòà dare tanti di soldi per sparare cazzate immemorabili...

    Report

    Rispondi

  • fonty

    fonty

    02 Dicembre 2012 - 12:12

    Ti rendi conto che stai dicendo le stesse cose che dicevano i fascisti ai giornalisti e scrittori dissidenti che mandavano al confino ? No, penso che sei talmente imbevuto di ideologia fascista/comunista che non puoi rendertene conto. Siete dei grandissimi ipocriti, almeno i fascisti erano chiari e netti, voi invece condannate e torturate nel nome della (vostra) democrazia. Infami.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    02 Dicembre 2012 - 10:10

    Chi si crede Dio non é che un povero diavolo con pretese da stupido. Questo é successo a Sallusti. Una lezione gli sta bene.E lo sanno anche i suoi compagni politici; tant'é che il loro silenzio é un'accusa. Imparalo anche tu.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog