Cerca

Appunto

Filippo Facci: Sciatterie

Filippo Facci: Sciatterie

Esempio perfetto di informazione ai tempi di internet. Ieri pomeriggio molti siti riportavano che Totò Cuffaro è stato condannato per diffamazione ai danni di Antonio Ingroia: "Il politico siciliano, in tv da Santoro, disse che Ingroia aveva partecipato ad una cena con l'imprenditore Michele Aiello, condannato per associazione mafiosa". Tutti o quasi hanno riportato la notizia in questo modo, a fotocopia, e nessuno o quasi - tantomeno il Corriere della Sera - ha precisato un dettaglio: che la cena tra Ingroia e Aiello, il mafioso, vi fu. Solo che non fu nel periodo indicato da Cuffaro. Non solo. Ingroia e Aiello - aggiungiamo noi - si parlarono al telefono il 28 febbraio del 2003 alle 9.36. Non solo. Parlarono dei lavori edili che il mafioso Aiello, costruttore, stava facendo a Calatafimi (Trapani) nella masseria paterna di Ingroia, anche grazie a un finanziamento agevolato dalla legge sul terremoto del Belice. Poi andrebbero precisate cento cose: che Ingroia dapprima non sapeva della mafiosità di Aiello, che poi, quando lo seppe, fece il pesce in barile d'accordo col procuratore capo, che l'ex pm non ebbe conseguenze penali, che Aiello in precedenza si era intortato i magistrati di mezza Sicilia. La moraletta è che le cose vanno spiegate bene, senza associazioni maliziose, senza sciatteria: altrimenti ti condannano per diffamazione come è accaduto a Cuffaro, sì, ma è la stessa sciatteria che hanno usato i giornalisti nel riportare la notizia.

di Filippo Facci

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eugeniopolonia

    08 Novembre 2014 - 07:07

    e la fiat che ora ha sede a londra, "paga le tasse" in olanda, si e' quotata a wallstreet e ha preso/prende miliardi di euro di contributi dall'Italia chi ne parla? possibile che per anni mamma fiat ha sottratto miliardi di euro (quanti saranno?) per cassaintegrazione, agevolazioni, finanziamento ai partiti e mazzette (romiti docet), e non vedo articolo/programma tv? libera stampa in libero stato

    Report

    Rispondi

blog