Cerca

Appunto

Filippo Facci: Il matto del Nazareno

Filippo Facci: Il matto del Nazareno

I Cinque Stelle che fanno un esposto contro il Patto del Nazareno è qualcosa che va oltre la neuropsichiatria, non si riesce neppure a commentare. In pratica un senatore ha denunciato penalmente una chiacchierata, fatta a margine di uno scontornato accordo politico: se Renzi e Berlusconi si fossero telefonati sarebbe stato il Patto della Telecom. Ora la magistratura dovrebbe «accertare esistenza e contenuto del Patto, verificare se sia stato preordinato a pilotare illegittimamente le riforme e a decidere chi nominare al Colle». Che è come dire, essendo le nomine e le riforme regolate democraticamente, che la Procura dovrebbe indagare sulle intenzioni o sui desideri: magari celano qualcosa di losco. Siccome Renzi e Berlusconi sono in due, poi, «costituiscono un’associazione», e inoltre «non conoscendo i confini del Patto, potrebbe anche risultare una compressione della democrazia e un’occupazione degli organi costituzionali». Certo: siccome non si sa cos’è, potrebbe anche risultare un’invasione degli Apache. L’esposto poi contiene domande precise e circostanziate come questa: «Il Patto del Nazareno ha modificato lo scambio elettorale politico-mafioso?». Ma certo, anzi probabilmente è un contro-contro-papello e Massimo Ciancimino ne sa qualcosa. Si chiede solamente, alla fine dell’esposto che ha ben 31 pagine, di acquisire i tabulati telefonici di tutti i giudici costituzionali per verificare se abbiano parlato col capo dello Stato. Roba così, nel senso di droga.

di Filippo Facci

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    23 Novembre 2014 - 17:05

    E' sempre un patto di poveri Cristi...

    Report

    Rispondi

blog