Cerca

Appunto

Tar Capitale

Tar Capitale

Le carte dell'inchiesta romana raccontano che uno dei capi, Salvatore Buzzi, a un certo punto vuole promuovere una campagna mediatica contro una giudice del Tar del Lazio: il tribunale amministrativo, infatti, deve decidere su un ricorso contro un appalto vinto da una cooperativa di Buzzi in un Centro per rifugiati, ma Buzzi ha scoperto che la giudice che dovrà occuparsene ha un conflitto d'interessi perché è socia in un'azienda che aveva avuto un appalto nello stesso Centro. Questa cosa si legge nelle carte dell'inchiesta, appunto: e tutti si sono concentrati sul ruolo del quotidiano Il Tempo in questa campagna promossa da Buzzi e poi su un'interrogazione di sostegno che la parlamentare Micaela Campana avrebbe voluto presentare: ma a nessuno è parso interessare se la campagna mediatica dicesse il vero. Lo diceva? Dalle carte dei Ros parrebbe di sì: al Tar c'era una giudice che prendeva decisioni su una materia sulla quale, al minimo, doveva astenersi. In pratica c'era una banda di delinquenti che ha fatto un piccolo scoop (vero) e l'ha passato a un giornale che ha approfondito e scritto il vero. Anche l'interrogazione parlamentare, quindi, diceva il vero. Due giorni fa la giudice si è detta disgustata e ha detto che su di lei furono pubblicati dati riservati: ma non li ha smentiti. Bene, com'è finita? La storia è vera o falsa? Ha importanza? Per ora sappiamo solo che Buzzi ha perso l'appalto e che la giudice è ancora lì con la sua impresa.

di Filippo Facci
@FilippoFacci1

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • bettely1313

    10 Dicembre 2014 - 12:12

    Buzzi ha perso un appalto e si è pure risentito. Non gli bastano i 40 milioni di soldi pubblici rubati con tante altre cooperative rosse? Ma che voleva sbancare lo Stato con il suo modus operandi perpetuo? Benedetto questo incidente di percorso che ha bloccato il sacco d'Italia.

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    10 Dicembre 2014 - 11:11

    Ciò mi conforta in una mia convinzione sempre più radicata: in Italia occorre azzerare politica, burocrazia e magistratura contemporaneamente, altrimenti non se ne esce. E questo significa rivoluzione. Il resto sono tutte chiacchiere inconcludenti.

    Report

    Rispondi

blog