Cerca

Appunto

Trop show

filippo facci

filippo facci

Nulla si crea, nulla si distrugge ma tutto si trasforma in Ballarò. Matteo Renzi, in sintesi, ha ironizzato su quei talkshow che hanno fatto meno ascolti della replica di Rambo (oltretutto ha ironizzato alla direzione del partito, non in un messaggio alla Nazione) e morale: tutti fuori di testa. Carlo Freccero ha ricominciato a straparlare di editto bulgaro (paventando dimissioni dal cda Rai) e Repubblica ha titolato con il minaccioso virgolettato «i talkshow vanno rivisti» anche se non l'ha mai minacciato nessuno. Massimo Giannini, invece, è insorto con la più straordinaria concentrazione di luoghi comuni dai tempi di Enzo Biagi: «La missione del nostro lavoro è informare... Noi raccontiamo la realtà e in crisi non sono i talk, ma la rappresentanza. Prendersela con la tv significa fare come il malato che invece di curare la febbre spezza il termometro». Sarà, ma altri pensano che i talk siano in crisi e basta, indipendentemente dalle crisi altrui. I motivi sono i soliti: i talk sono troppi e sono scadenti. Stupisce poi la diffusa pretesa che Renzi ai talkshow debba andarci per forza, peraltro a tutti, non solo a quelli che piacciono a lui: come se fossero una sede istituzionale. Al diavolo i talkshow e certe cagnare: ormai rinuncio ad andarci io, figurarsi se non può farlo Renzi. Andy Warhol auspicava cinque minuti di celebrità televisiva per tutta l'umanità: ma è anche vero che, ormai, nei nostri talkshow, l'umanità c'è passata tutta.

di Filippo Facci
@FilippoFacci1

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nick2

    24 Settembre 2015 - 17:05

    Definire Biagi “la più grande concentrazione di luoghi comuni” soltanto perché non si è piegato al suo padrone è indegno. Ma che giornalisti siete? Non vi vergognate?

    Report

    Rispondi

    • Garrotato

      25 Settembre 2015 - 08:08

      Nick, ma è capace di leggere? "La più grande concentrazione di luoghi comuni" è attribuita a Giannini, non a Biagi, (dice "dai tempi di Biagi") che pure dei luoghi comuni era un campione. Ma che lettore è, lei? Non si vergogna? Ahahah.

      Report

      Rispondi

      • nick2

        25 Settembre 2015 - 09:09

        Biagi è il termine di paragone, quindi, secondo Facci, il non plus ultra degli utilizzatori di luoghi comuni. Questo epiteto, riferito a uno dei più grandi giornalisti italiani del XX secolo, è vergognoso. Il tuo post è quindi idiota. Ma anch’io sbaglio, perché, dovrei seguire il consiglio di Oscar Wilde: “Non discutere con un idiota, perché ti trascina al suo livello e ti batte con l'esperienza”.

        Report

        Rispondi

  • LupettoVersilia

    LupettoVersilia

    24 Settembre 2015 - 15:03

    Facci, Mi sa che c ' hai ragione te.

    Report

    Rispondi

  • giolu60

    24 Settembre 2015 - 11:11

    Per forza che nn vai ai TS : non ti invitano.

    Report

    Rispondi

blog