Cerca

Appunto

Un presepe in Siria

filippo facci

Anzitutto: conoscere l'Islam non può diventare un dovere. Molti talkshow fanno a gara per ospitare degli imam - spesso brave persone - che parlano di «integrazione culturale» e soprattutto chiedono spazi per «spiegare» un po' di Islam anche a noi, così ci integriamo meglio. Mi piacerebbe potergli rispondere che la battaglia per l'integrazione culturale, in Italia, c'è chi l'ha fatta per decenni ma con gli italiani, meglio, tra italiani: una battaglia, ossia, per radicare i principi base dell’educazione civica, i cardini dello Stato di diritto, l'adesione alla carta costituzionale, la parità uomo-donna (su cui non vogliamo ridiscutere nulla) e poi il suolo pubblico che non si può occupare né sporcare, le file che si devono rispettare, persino il corpo che si deve lavare, ma soprattutto una cosa: la laicità dello Stato. Invece succede che la pretesa del «confronto» tra una cultura intrisa di religione e la nostra, purtroppo, sta spingendo la nostra a riarmarsi di tradizioni religiose come se fossero uno scudo. E questo è un brutto passo indietro, a parer mio. Apprendere che la Regione Lombardia vuole «riportare i canti religiosi nelle scuole», o vedere politici che girano le aule a cantare «astro del ciel», beh, no, non mi rende orgoglioso. Vorrei vedere Renzi che a un vertice Nato, tra gente che ha mandato gli aerei in Siria, dicesse: da noi il burka è legale, gli islamici pregano per strada, ma abbiamo reso il presepe obbligatorio.

di Filippo Facci
@FilippoFacci1

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nick2

    02 Dicembre 2015 - 08:08

    Non credo che la cultura islamica stia spingendo la nostra a rianimarsi di tradizioni religiose. E’ lo sciacallaggio di alcuni politici neofascisti e dei giornali loro portavoce che, con notizie spesso false manipolano le perone più deboli e trasmettono loro una sottocultura antidemocratica, razzista e oscurantista. Per fortuna, Facci, l’80% degli italiani non sono caduti nella vostra trappola…

    Report

    Rispondi

  • fiorellacolosi

    01 Dicembre 2015 - 22:10

    Mettete a confronto il presepe delle nostre case e le donne bardate a nero con i loro figli armati fino ai denti. Poi fate il cambio. Io sto col presepe.

    Report

    Rispondi

blog