Cerca

Appunto

Chiamalo scemo

Chiamalo scemo

Dovete fare una vera riforma della custodia cautelare: ma fatela, sul serio, basta buffonate, basta margini discrezionali entro i quali la magistratura possa fare sempre ciò che vuole, sempre, con qualsiasi legge. Serve un governo - quale non importa - che se ne strafotta di resistenze corporative e scioperi, della bava forcaiola con annessi reggicoda mediatici, del sindacato, dell'associazione e dei soliti imbecilli urlacchianti. Ieri un cittadino come cento altri, Paolo Ligresti, è stato assolto «perché il fatto non sussiste» e questo peraltro su richiesta dell'accusa, ma prima si è fatto due anni da uccel di bosco in Svizzera - chiamalo scemo - e solo nel giugno scorso, dopo la concessione dei domiciliari, è rientrato in Italia per farsi altri sei mesi agli arresti, cioè fino alla sentenza di ieri. Paolo Ligresti aveva preso la cittadinanza svizzera poco prima della richiesta d'arresto - chiamalo scemo - e così per due anni non è stato arrestato né estradato dalle procure di Torino e di Milano: e con che coraggio noi, ora, cittadini legalisti, dovremmo biasimarlo per la sua decisione di non consegnarsi alle forche italiane? Ha scelto di non stare in galera per quei due anni e mezzo che lo separavano dall'assoluzione, ha disconosciuto le indagini preliminari all'italiana sino alla dirittura dell'unica cosa che conta: la sentenza. Chiamalo scemo. Chiamalo scemo ma coi soldi, perché solo chi ne possiede, in Italia, può sottrarsi a quella schifosa vergogna chiamata custodia cautelare.

di Filippo Facci
@FilippoFacci1

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • routier

    17 Dicembre 2015 - 21:09

    Impossibile dargli torto ma quella di Facci è la classica "Vox clamantis in deserto" (una voce che urla inascoltata) Peccato! In Italia la "ragione" è come una donna che è morta vergine perché nessuno l'ha mai voluta.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    17 Dicembre 2015 - 19:07

    Le leggi rispettano i tempi. Ciò che oggi appare desueto, in passato era necessario.

    Report

    Rispondi

  • EnnioDB

    17 Dicembre 2015 - 17:05

    È ormai l'ora che venga abbandonata la custodia preventiva così com'è concepita. Io la lascerei solo per gli omicidi colti in flagrante! Ennio Di Benedetto

    Report

    Rispondi

  • Aquila1976

    17 Dicembre 2015 - 16:04

    Le leggi sono fatte e studiate su misura da chi ha i soldoni. In effetti chi le fa e chi le applica non sono poveri Cristi...chiamali scemi. Chi le subisce non è scemo, ma si può tranquillamente chiamare scemo.

    Report

    Rispondi

blog