Cerca

Appunto

Miti e abusi

Miti e abusi

Ieri a Reggio Emilia hanno arrestato un indiano che aveva convinto un contadino di avere il malocchio, e che gli aveva via via spillato 25mila euro. I carabinieri si sono inventati un'accusa di estorsione, ma inquadrare questi reati resta difficile. Ora: io non ho mai invocato l'inasprimento di nessuna pena, ma, essendo una regola, l'eccezione è questa: l'abuso della credulità popolare. Parlo di maghi, guaritori, cartomanti, esoterici, quelli che promettono amori che non torneranno più, derubano i deboli dei loro risparmi e delle loro ultime cose, le vecchiette della loro pensione e dei gioielli di famiglia, e promettono lavoro ai disoccupati, salute agli infermi, conforto ai disperati e ai disposti a tutto. Ecco: la feccia umana che perpetua questi raggiri, in Italia, rischia poco o niente (art. 661, una banale contravvenzione) e ogni tentativo di introdurre un reato serio si è sempre scontrato con la ferma opposizione sapete di chi? Degli esponenti clericali, che vi hanno sempre intravisto «un pericolo anche per la libertà religiosa». Notare che le norme sulla «manipolazione mentale» (o plagio) all'estero esistono, e anche lì non piacevano alle religioni maggioritarie: ma le hanno fatte lo stesso. In Italia no. E, dopo la sfilata romana della salma di Padre Pio, comincio a capire anche perché. Fatta su un singolo individuo, è abuso della credulità popolare. Fatta su milioni, diventa un mito.

di Filippo Facci
@FilippoFacci1

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nick2

    10 Febbraio 2016 - 18:06

    Se l’imbroglione non fosse un poveraccio, potrebbe permettersi tre gradi di giudizio. Se coprisse un’alta carica politica e controllasse anche organi d’informazione, utilizzerebbe un suo dipendente al fine di far passare di fronte all’opinione pubblica il contadino per impostore e i giudici per suoi avversari che lo vogliono distruggere. Questo, secondo lei, non è abuso della credulità popolare?

    Report

    Rispondi

  • Aquila1976

    10 Febbraio 2016 - 17:05

    Siamo supermegaiperinformati sul fatto che mettendo il sale nel frigorifero o un pesce morto sotto il cuscino non si guarisce dal tumore o dei pacchi dei telefonini venduti fuori dagli all'autogrill, o cose simili, ma ci caschiamo ancora. Siamo sicuramente meno informati dei raggiri delle banche e delle compagnie telefoniche o energetiche. Centra la religione???

    Report

    Rispondi

  • Gianni Schicchi

    10 Febbraio 2016 - 15:03

    Filippo Facci, sposami!

    Report

    Rispondi

blog