Cerca

La risposta del direttore

Feltri e quei "sospetti" dei colleghi: "Vi dico io perché attaccano Libero"

Vittorio Feltri

Siamo qui ancora a parlare di Inps, perché la nostra inchiesta sull’ente che, invece di occuparsi dei pensionati retribuendoli adeguatamente, finanzia ogni sorta di attività assistenziale cui dovrebbe provvedere lo Stato, prosegue. Vogliamo stanare gli inadempienti: segnaliamo che dal 1980 a oggi la Cassa integrazione guadagni è costata alla Previdenza la bellezza di 56 miliardi. Una somma che, se fosse rimasta nelle casse foraggiate dai lavoratori, consentirebbe di non tagliare di un euro gli assegni destinati a coloro i quali, avendo versato i contributi, hanno diritto di riscuoterli in misura non decurtata.

Esiste poi il problema dei cosiddetti contributi figurativi, tutti a carico della collettività. Un altro capitolo, questo, scandaloso. Una montagna di denaro pubblico sperperata alle spalle di chi, correttamente, ogni mese si è fatto prelevare denaro dalle proprie buste paga. Ribadiamo il concetto: l’Inps è diventato l’elemosiniere di Stato che dilapida i capitali dei quiescenti. Ed è l’emblema della sciatteria che ispira la conduzione dell’apparato pubblico, insensibile alle esigenze legate alla sopravvivenza degli ex dipendenti non più in grado di essere attivi.

Mentre il bubbone esplode, specialmente a riguardo del patrimonio immobiliare previdenziale (mai censito) acquistato coi quattrini dei lavoratori e mai utilizzato con spirito imprenditoriale, il ministro del lavoro Poletti è costretto a studiare un piano allo scopo di tagliare le pensioni del 12 per cento. Ciò che strangolerà milioni di persone anziane non abbienti. Sarà un altro passo avanti verso la povertà già abbastanza preoccupante.

Il principio di equità propagandato dallo stesso presidente Tito Boeri è sul punto di andare a farsi benedire. Di separare la Previdenza dall’assistenza non se ne parla neanche, quasi che fosse non una necessità bensì un nostro capriccio. Invitiamo il premier Matteo Renzi a prendere in mano la situazione, altrimenti finirà male sia per il governo sia per i poveracci che campano con risorse sempre più modeste.

Infine, dobbiamo registrare le solite polemiche giornalistiche alimentate, nella presente circostanza, dal Fatto quotidiano e dal Giornale, i quali insistono nel gettare sospetti sulla campagna di Libero. Anche ieri abbiamo letto articoli che adombrano una sorta di conflitto di interessi tra noi e il Tempo di Roma, poiché quest’ultimo ha sede in un edificio di proprietà dell’Inps. In altri termini saremmo indotti ad attaccare la Previdenza per evitare che sfratti il giornale fondato da Angiolillo, moroso da circa tre anni.

Si dà però il caso che l’editore di Libero, avendo acquistato da una settimana lo storico foglio della Capitale, non c’entri un bel niente coi debiti del venditore, il costruttore Bonifaci, essendo in corso la procedura fallimentare. Come si faccia a sovrapporre la vicenda della famiglia Angelucci a quella di Bonifaci, è un mistero che né il Fatto né il Giornale svelano. Entrambi gli organi di informazione ignorano a bella posta la realtà per mettere in dubbio le finalità del nostro lavoro di cronisti, che non è svolto in difesa di qualcuno ma contro l’Inps, le cui prodezze abbiamo narrato nei nostri servizi. Il resto è fuffa. Noi stiamo coi pensionati.

di Vittorio Feltri

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gcura42

    14 Agosto 2016 - 18:06

    Caro Direttore,come assiduo lettore di Libero La invito ancora una volta a fare un sondaggio circa il gradimento ,da parte dei lettori,della nuova LINEA del gionale da Lei diretto.Questa proposta e' stata avanzata da diversi lettori e dal sottoscitto senza ottenere risposta.Probabilmente questa mia Non verra' pubblicata e se cio' accadesse NON si lamenti delle critiche rivolteLe da altre testate.

    Report

    Rispondi

  • RUGIA

    26 Maggio 2016 - 14:02

    BRAVO FELTRI......e finalmente .....BENTORNATO A LIBERO ..........

    Report

    Rispondi

  • Bolinastretta

    26 Maggio 2016 - 10:10

    caro vittorio stai attento, mettersi contro i dittatoruncolo che sperpera denaro pubblico, non solo dell'INPS,(basti guardare l'ultimo gingillo volante dotato di tutti giocattoli elettronici per soddisfare le puerili velleità del rais), c'è anche Inail, i ministeri fantasma foraggiati dallo Stato per mantenere manipoli di adepti e far fuoriuscire montagne di denaro pubblico nelle solite tasche!

    Report

    Rispondi

  • nick2

    26 Maggio 2016 - 08:08

    1/2 Direttore, l’INPS non sceglie di accollarsi oneri di cui dovrebbe farsi carico lo Stato, ma è obbligato. La prossima palla al piede per il “carrozzone” sarà l’INPGI, previdenza dei giornalisti, che, per pagarvi la pensione il 104% dell’ultimo stipendio ha fatto un buco enorme. E’ ingenuo pure pensare che l’INPS possa far fronte al pagamento delle pensioni vendendo qualche palazzo di valore…

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog