Cerca

Il commento

Facci: Andreotti assolto per mafia, ora lo accuseranno in eterno

La sentenza del 2003 scagiona il leader Dc: il fatto non sussiste. Chi la discute è ignorante o mente per faziosità politica

Facci: Andreotti assolto per mafia, ora lo accuseranno in eterno

di Filippo Facci

Il mio giudizio politico e culturale su Giulio Andreotti rasenta l’orrore, ma non è importante e soprattutto non toglie che se chiedi come è finito il processo Andreotti, in tutto il mondo, ti dicono che è stato assolto. Anche in Europa ti dicono che è stato assolto. Anche in Italia: a meno che appartengano a quella ristretta fazione appunto di faziosi (divisa tra una minoranza in malafede e una gregge di analfabeti funzionali) che ti spiega che no, non è stato assolto: perché ha «commesso» reati sino alla primavera del 1980 ma i reati poi sono caduti in prescrizione, ecco perché Andreotti non è finito in galera. Questo modo di vedere le cose, tuttavia, non rappresenta un diverso e magari più approfondito punto di vista: rappresenta un tentativo di mischiare le carte e di giustificare il più clamoroso fallimento processuale del Dopoguerra, un tentativo di mischiare il piano giuridico a piani morali e storici: col dettaglio che i tribunali esistono per occuparsi solo del primo.


Leggi il commento integrale di Filippo Facci
su Libero in edicola oggi, martedì 7 maggio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog