Cerca

Bestiario

Pansa: la crisi dell'Italia nella lettera di una sarta mancata

Una donna riconosce di non saper neanche riparare una blusa. In un periodo così dovremmo reimparare ad arrangiarci, invece continuiamo a vivere da ricchi mentre diventiamo poveri

Giampaolo Pansa

Giampaolo Pansa

Sapete quale sarà il nostro destino? Diventare un paese povero che conserva le abitudini di quando era ricco. L’ho capito leggendo una lettera apparsa su «Repubblica» giovedì. L’aveva scritta una signora di Milano, Marianna Storari, che raccontava di essere alle prese con un problema difficile da risolvere. Quello di riparare un’asola della sua blusa. E la confessione della signora merita di essere conosciuta per intero. 

 «Sto consultando Internet per scoprire come si cuce un’asola. Fino a cinque minuti fa non sapevo che questa fessura dentro la quale faccio scivolare il bottone della mia blusa si chiamasse proprio asola. E ora sono qui a cercare un rimedio sul web per scoprire come ripararla con il punto occhiello, visto che si è slabbrata. Le labbra, a dire il vero, me le mordo io. Se penso che mia nonna era una sarta e io non mi sono fatta insegnare nulla, proprio nulla, neanche come si aggiusta un’asola. Eppure lei ci ha provato tante volte a mettermi un ago in mano. Che spreco di tradizione». 

Ho sempre pensato che le lettere pubblicate dai giornali siano una testimonianza del tempo presente ben più chiara degli articoli scritti da noi giornalisti. I grandi direttori mostravano un’attenzione quasi maniacale per la corrispondenza dei lettori. Il mio primo maestro professionale, Giulio De Benedetti, il dominus assoluto della «Stampa», aveva creato una rubrica apposita chiamata «Specchio dei tempi». Ogni sera la prima bozza che voleva controllare era quella. 

Lo considerava lo spazio più importante del giornale. Molto spesso era lui a scegliere i messaggi da pubblicare. E il successo strepitoso dello «Specchio» gli confermava di aver visto giusto. «Libero» fa bene a destinare due pagine alle lettere. Maurizio Belpietro non me ne vorrà se gli rivelo che le leggo prima ancora di passare al suo editoriale. Se un giorno «Libero» deciderà di raccogliere in un libro una selezione dei pareri espressi dai suoi lettori nell’arco di un anno, avremo tra le mani una testimonianza sorprendente dell’epoca che stiamo vivendo.


Leggi il Bestiario integrale di Giampaolo Pansa 
su Libero in edicola domenica 2 giugno

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eovero

    02 Giugno 2013 - 21:09

    lei dott dovrebbe scrivere un libro,visto che lei ha conosciuto tutti i governi d'Italia dal primo all'ultimo. e nel libro dovrebbe dare non solo il voto ai politici di turno ma di tutti i tempi, anche ai portaborse,cioè a tutti!!sapere chi era e chi è degno di entrare al quirinale,e chi invece doveva entrare in una stalla.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    02 Giugno 2013 - 19:07

    Anche se non li vuoi, i sacrifici devi farli, altrimenti vai a fare il rapinatore...difficile anche quello.... Ma i sacrifici sono maggiori quando c'é chi non li fa, quando si lotta ancora contro le imposte, quando si crede che lo statale lavorando di piu', sana la situazione. Negli ultimi 20 anni le stupidaggini erano all'ordine del giiorno: le paghiamo in una crisi piu' acuta che altrove.

    Report

    Rispondi

  • folgore38

    02 Giugno 2013 - 18:06

    Caro Pansa , come non essere d'accordo con quanto hai scritto visto che la generazione femminile , quella dopo la nostra e , salvo le dovute eccezioni , non sono capace non solo di rammentare un'asola alla propria divisa da lovoro ma , hai me , figuriamoci se sanno rammentare un pedalino . Noi sappiamo con matematica certezza che le nostre figlie e nipote , studentesse o meno , non sanno cucinare un uovo al tegamino . Detto questo e , senza offesa a tutte quelle donne che sanno rammentare piu' per obbligo che per capacita', un grazie per aver posto un quesito passato di moda per il troppo benessere.

    Report

    Rispondi

  • mamex

    mamex

    02 Giugno 2013 - 17:05

    Grande!!! E' la pura e semplice verità. Una società incapace di far tesoro dei sui 'vecchi', è una società destinata a fallire! Questo rammollimento del tessuto sociale purtroppo ne è un'amara constatazione. Viva i 'vecchi', altro che rottamazione sono la nostra enciclopedia recente così importanta da essere vitale.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog