Cerca

Tempo di pace! La marcia Onu

in 100 Paesi per la non violenza

Tempo di pace! La marcia Onu

È riuscita a diventare realtà la tanto attesa pianificazione della marcia mondiale a favore della non violenza. Il progetto, che si realizzerà grazie al contributo di tutte quelle persone che aspirano a costruire la pace e un mondo nonviolento, comincerà ufficialmente il 2 ottobre 2009, data particolarmente ricca di significati simbolici, visto che è la ricorrenza della nascita di Mahatma Gandhi. L’evento, battezzato dall’ONU “Giornata internazionale della Nonviolenza” terminerà a Punta de Vacas (Argentina), nelle Ande, il 2 gennaio 2010, dando coesione e visibilità a tutti coloro che aspirano alla pace e alla nonviolenza. Questa sarà la prima marcia mondiale che attraverserà oltre cento paesi, declinandosi in ciascuno dei continenti grazie alla partecipazione diretta di milioni di persone. Un gruppo di un centinaio di persone, provenienti da ogni parte del mondo, percorrerà tutto il tragitto, ma la marcia sarà contraddistinta da una straordinaria sequenza di eventi che si svolgeranno in tutto il mondo prima, durante e dopo il compimento di un cammino di oltre 100.000 km di percorso. Tra gli obiettivi concreti della marcia ci sono lo smantellamento degli arsenali nucleari, la riduzione progressiva degli armamenti e delle spese militari, il ritiro delle truppe d’invasione dai territori occupati e la rinuncia dei governi ad utilizzare la guerra come mezzo di risoluzione dei conflitti . Il fine, infatti, è quello di generare, attraverso una grande azione collettiva, una sorta di coscienza sociale mondiale contraria ad ogni forma di violenza (fisica, psicologica, razziale, religiosa, economica, sessuale). Sono obiettivi immediati e concreti e, attraverso una grande azione collettiva, potremo spingere i governi verso la loro realizzazione. La Marcia Mondiale sarà un evento multiforme, dalle mille sfaccettature, ricco di attività culturali, sportive e artistiche, forum, festival, feste, concerti e qualsiasi altra iniziativa creativa e nonviolenta che singoli e associazioni vorranno proporre. Sarà la prima marcia che parlerà tutte le lingue, e che raggiungerà, attraverso ogni mezzo di comunicazione, gli angoli più remoti del pianeta. Per informazioni sulle modalità di partecipazione: http://www.marciamondiale.org .

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog