Cerca

Appunto

Facci: Rifondazione cerebrale

Bisognerebbe costringere i negazionisti rossi Cribio e Garufi e anche Laura Boldrini a passare qualche ora nei luoghi dell'orrore: le foibe

Filippo Facci

Facci visto da Vasinca

Bisognerebbe costringerebbe Leonardo Cribio e Giuseppe Garufi - consiglieri milanesi di Rifondazione comunista che hanno definito le foibe «un’invenzione» - a restare legati sul bordo di una foiba friulana anzitutto per vedere se «esiste» o meno, poi, in secondo luogo, per ascoltare i racconti di chi ha visto trucidare, mutilare, violentare e infine buttarci dentro la sua intera famiglia: e non si parla di fascisti, ma di ragazzi, ragazze, negozianti, contadini, partigiani e soldati che tornavano dal fronte e che erano colpevoli soltanto di essere italiani. A officiare la cerimonia di legatura si potrebbe mettere Laura Boldrini, cioè la presidente della Camera - eletta nella stessa area politica dei due consiglieri - che non ha ritenuto di dover organizzare nessuna commemorazione nel Giorno del ricordo di lunedì scorso. Dopo un rapido passaggio davanti alla tomba di Norma Cossetto - studentessa 23enne infoibata ancora viva dopo esser stata violentata per due giorni da una ventina di partigiani titini e italiani - i due consiglieri milanesi verrebbero condotti in gita premio a Fertilia, in Sardegna, in una delle tante comunità in cui furono forzatamente esodate le popolazioni giuliano-dalmate che volevano scampare alla pulizia etnica dei partigiani di Tito. Estrazione della tombola, infine, coi seguenti numeri: 7000 (infoibati, stima prudenziale), 250mila (esodati friulani certi), 2 (negazionisti milanesi certissimi). Ricchi premi e cotillons. 

di Filippo Facci

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nobru53

    18 Febbraio 2014 - 20:08

    probabilmente parli perchè, come tanti altri, non sei a conoscenza della storia cerca di informarti! Vieni aferti un giro da queste parti

    Report

    Rispondi

  • nobru53

    18 Febbraio 2014 - 20:08

    caro Facci, ho letto il suo appunto di sabato 15 febbraio e posso dire di essere daccord; su un passaggio però non mi trovo e cioè il fatto che, come tanti altri giornalisti anche Lei è molto poco a conoscenza della nostra terra. Le foibe, basta andare a consultare una qualsiasi enciclopedia, sono delle cavita che si aprono sul territorio carsico e il carso si trova per l'appunto nella zona di Trieste e in Istria che fanno parte della Venezia Giulia. Quindi per costringere i due consiglieri milanesi a stare in piedi sull'orlo di una foiba friulana, sarà molto difficile perche in Friuli, il Carso non esiste. Mi spiace, ma come altri gionalisti per esempio Carlo Panella, La invito a studiarsi un pò di storia e sopratutto geografia di quella parte d'Italia che si trova quì all'estremo nordest. La saluto e al prossimo articolo.

    Report

    Rispondi

  • argo92

    17 Febbraio 2014 - 21:09

    vedo che il CANCRO ROSSO e molto attivo anche qui dovete morire tutti infami komunisti di merda

    Report

    Rispondi

  • ego1

    17 Febbraio 2014 - 19:07

    Lei, al pari di coloro che negano anche l'esistenza dei lager, è un essere spregevole, un criminale morale.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog