Cerca

Tagesmutter: l’asilo a casa

arriva anche in Italia

Tagesmutter: l’asilo a casa

Asilo nido o nonni? Questa è la domanda che tutte le mamme lavoratrici si fanno quando arriva il momento di trovare un posto dove lasciare i bambini piccoli. Non tutti sanno, tuttavia, che esistono anche altre alternative. Tra queste, l’ultima si chiama ‘tagesmutter’, ossia l’asilo nido a casa. Questa pratica dal nome tedesco, infatti, è molto diffusa nel nord Europa e, recentemente, sta iniziando a propagarsi anche nel resto del continente. Ma come funziona? Semplicissimo, le tagesmutter sono delle mamme normali che, dopo aver seguito un tirocinio pratico e un corso di formazione professionale – lezioni di psicopedagogia, pediatria, alimentazione, pronto soccorso, igiene, sicurezza e molti altri corsi – si rendono disponibili ad accogliere nella loro abitazione altri bambini, per diverse ore, come un vero e proprio asilo. L’iniziativa, prenderà piede in tutta Italia, diventando una valida alternativa per i bambini e un utile incoraggiamento alle mamme per riqualificarsi in ambito lavorativo.

Il progetto, che verrà lanciato in Lazio, rappresenta anche una nuova opportunità per le donne disoccupate o che vogliono lavorare in casa. Infatti, possono diventare tagesmutter tutte le donne tra i 21 e i 50 anni, interessate ai servizi per l’infanzia e residenti o domiciliate nel Comune di Roma, inoccupate o disoccupate. I requisiti abitativi per ospitare i bambini (massimo 5) presso il proprio domicilio sono disporre di uno spazio di almeno 4 mq disponibili per ogni bambino custodito, soddisfare le norme di sicurezza ed igienico-sanitarie, avere un bagno attrezzato alle necessità dei piccoli e uno spazio attrezzato al riposo, oltre ad una dotazione di primo pronto soccorso. È prevista, inoltre, la partecipazione ad un corso di formazione gratuito della durata di 250 ore per istruire le neo tagesmutter e il supporto di una coordinatrice territoriale. I bambini che verranno coinvolti dal servizio sono quelli che vanno dagli 0 ai 3 anni e il costo sarà all’incirca sui 5-7,00 euro all’ora con la possibilità di stipulare una convenzione con il comune. Quella delle tagesmutter è una novità assoluta per l’Italia, voluta, soprattutto, dalle recenti direttive del ministro per le pari opportunità Mara Carfagna che ha definito il progetto una “priorità assoluta”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog