Cerca

La raccolta differenziata

arriva anche in autostrada

La raccolta differenziata

È stato lanciato "Destinazione Ambiente", il progetto pilota che aiuterà i viaggiatori a fare la raccolta differenziata dei rifiuti anche in autostrada. L’iniziativa è stata pensata per quei 300 milioni di automobilisti che ogni anno sostano nelle zone di ristoro delle autostrade italiane. La fase iniziale, condotta in collaborazione anche con Waste Italia, il Gruppo Hera e ID&A, coinvolgerà cinque aree di sosta pilota in Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna per poi essere progressivamente estesa a tutti i punti vendita Autogrill distribuiti sulla rete autostradale italiana.
Sabato 25 e domenica 26 luglio
, presso le aree di servizio interessate verranno organizzate due giornate dimostrative con postazioni CONAI allestite ad hoc e finalizzate a sensibilizzare il consumatore sulle modalità con cui effettuare la raccolta differenziata trasformando i rifiuti in nuove risorse.
Ogni anno nelle 420 aree di ristoro presenti nelle autostrade italiane sono prodotte circa 45.000 tonnellate di rifiuti. Secondo uno studio realizzato da Conai, il 45% è costituito da organico (residui di cibo e bevande), quasi il 40% da vari materiali (acciaio, alluminio, carta e cartone, plastica, legno e vetro) e il 15% da altri rifiuti; mediamente un quarto del totale è costituito da imballaggi. Una volta a regime, 20/25.000 tonnellate di rifiuti annuipotrebbero esseresottratte alla raccolta indifferenziata e avviate al ricicloproducendo, ad esempio, 250.000 caffettiere dal riciclo delle lattine in alluminio, 2.500.000 felpe in pile dal riciclo delle plastiche e ben 9.500.000 di bottigliedal riciclo degli imballaggi in vetro. Inoltre, riciclando i rifiuti di imballaggio, le emissioni di CO2 si ridurrebbero di oltre 12.000 tonnellate annue.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog