Cerca

Le "notti della taranta"

invadono il Salento

Le "notti della taranta"
Come ogni anno arriva l’estate e il Salento si prepara a diventare il palcoscenico dell’evento musicale più atteso d’Italia, il festival 'Notte della taranta'. In questa edizione, la dodicesima ormai, saranno 13 gli spettacoli musicali itineranti nei comuni della Grecia salentina, dal 7 al 20 agosto prossimi, con un mega concerto finale, il 22 agosto a Melpigano, animato dall'orchestra diretta, per la terza volta consecutiva, da Mauro Pagani. Il programma è stato presentato oggi alla presenza, tra gli altri, del presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola.
Donne, pizzica e tradizione - Il festival  è dedicato al recupero e alla valorizzazione della 'pizzica’, ossia la danza tradizionale salentina che servirebbe a liberarsi del veleno iniettato dal morso di una tarantola. I concerti itineranti, nel corso dei quali si esibiranno i gruppi più rappresentativi della pizzica, partiranno da Corigliano d'Otranto e si concluderanno il 20 ad Alessano. Tra gli ospiti del concerto di Melpignano ci saranno i cantanti Eugenio Finardi, Simone Cristicchi e Noa. “La cantante israeliana Noa - ha spiegato Pagani - duetterà con la cantante palestinese Mira Awad, dando vita a un duetto di straordinaria bellezza”. Pagani ha anche sottolineato la presenza di “Angelique Kidjo, musicista beninese ambasciatrice della musica africana nel mondo; e di 'Z star', cantante di Trinidad: tutto ciò - ha rilevato - dimostra l'attenzione che abbiamo dedicato quest'anno alla musicalità femminile”. Vendola ha spiegato che “anche oggi, vedendo il programma del festival, credo che le mie gambe e quelle delle decine di migliaia di persone che ogni anno si precipitano alla Notte della taranta, da ogni parte del mondo, dovranno fare attenzione per non farsi pizzicare dal ragno”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • papermaggio

    27 Luglio 2009 - 10:10

    Noi a lavorare e loro a ballare. E poi si lamentano che non gli mandiamo i fondi. Nord libero, abbandoniamo al loro destino queste scimmie

    Report

    Rispondi

blog