Cerca

La crunch dance

primo tormentone dell'estate

La crunch dance
Arriva il primo vero tormentone dell’estate 2009, la ‘crunch dance’ dell’Aquafan di Riccione. Nel parco acquatico, simbolo per antonomasia del divertimento estivo, la nuova danza sta guadagnandosi un successo senza precedenti. L’idea di questo ballo nasce dall’incontro tra il Dj Tommy, un bagnino-Dj, come lo hanno soprannominato i suoi colleghi dell’Aquafan per la sua passione per la disco, e Elena Ronchetti, una delle più quotate ballerine di danza moderna e responsabile delle coreografie del parco. Insieme i due ragazzi hanno ideato questa danza rivoluzionaria, pensata per dare a tutti l’energia per affrontare al meglio il periodo più caldo dell’anno e lasciarsi alle spalle l’inverno e gli stress del quotidiano, così come la timidezza, l’imbarazzo e ogni forma di insicurezza. 
La Crunch Dance, infatti, coinvolge tutto il corpo, a partire dalle braccia, che raccolgono energia dallo spazio circostante, per portarla verso se stessi, con le mani rivolte verso il cielo e il sole, passando per le gambe, che con un movimento circolare della pianta dei piedi che sembrano voler assorbire l’energia positiva direttamente dalla Terra. Ma la Crunch Dance vuole anche trasmettere l’energia che genera, aiutando a socializzare e creare un contatto con gli altri, dando così una mano a rompere il ghiaccio e approcciarci alla persona che ci interessa. Ecco allora che Elena ha pensato ad un gesto semplice ma “forte”: bisogna infatti mettersi di fronte alla persona con cui si vuole condividere questa energia positiva e incrociare le braccia con le sue, creando una sorta di contatto “elettrico”.  E se la Crunch Dance è già stata scelta come ballo ufficiale dell’estate dall’Aquafan, dove verrà insegnata alle centinaia di migliaia di persone che ogni anno lo prendono letteralmente d’assalto, dopo il lancio ufficiale, verrà riproposta da locali, bagni, villaggi inizialmente della riviera e poi dell’intera penisola, candidandosi a diventare il ballo-tormentone dell’estate 2009.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog