Cerca

Jacko ucciso dai farmaci

Ne prendeva 8 al giorno

Jacko ucciso dai farmaci
 Jacko ucciso da un micidiale cocktail di farmaci. Secondo quanto ricostruito dal quotidiano inglese The Sun, la polizia ha rintracciato il medico presente negli ultimi istanti di vita di Michael Jackson e è emerso che ci sarebbe una lista piuttosto lunga di farmaci che il Re del Pop avrebbe avuto in corpo in quel momento: Jacko si faceva iniettare tre volte al giorno il Demerol, un antidolorifico che deriva dalla morfina, di cui una poco prima di morire; poi gli antidolorifici come il Dilaudid e il Vicodin. Si prosegue con Soma, un rilassante muscolare, lo Xanax, un antidepressivo che Jacko assumeva con due ansiolitici, lo Zoloft e il Paxil; infine si chiude con il Prilosec, per lenire il bruciore allo stomaco. Tutto questo sommato con i soccorsi prestatigli in emergenza avrebbero causato la morte del Re del Pop.

La famiglia - C’è quasi da stupirsi che fosse vivo tant’è che la famiglia temeva uno stato di intossicazione cronica, e una fonte vicina alla famiglia rivela che una persona dell’equipe passava sottobanco le medicine a Michael: “Questo infermiere ha fonti dappertutto. Michael prende morfina pura, Demerol e oppiacei come l’Oxycontin. Prende anche Valium e Xanax.” Il Demerol è altamente tossico, si prescrive per brevi periodi perché da dipendenza e ha come effetti collaterali la possibilità di arresto cardiaco o respiratorio.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog