Cerca

Sharon Stone icona dei ragazzi

"I miei coetanei mi snobbano"

Sharon Stone icona dei ragazzi
“La mia anima gemella sono io”. Conclude così le domande sulla propria vita sentimentale Sharon Stone, uno dei simboli del divismo di Hollywood. Nonostante una carriera cinematografica non sempre da primi posti in classifica, Sharon resta Sharon. Basti pensare alla sua apparizione sul tappeto rosso all'ultimo Festival di Cannes, con un abito che scopriva completamente le spettacolari gambe.
Sharon si è beccata le prime pagine di molti giornali, alla faccia di tante giovincelle. Proprio sui giovani ci sono delle altre dichiarazioni che la bella Sharon ha rilasciato alla stampa: “Gli uomini della mia età non mi fanno la corte. Vengo spesso accusata di andare appresso a ragazzi giovani: la verità è che sono loro gli unici che mi invitano fuori”. Una frase ad effetto? Forse, forse il segno che Basic Istinct è davvero un pezzo del passato dell’attrice. Un passato che Sharon non vuole dimenticare o rinnegare, ma nemmeno qualcosa a cui attaccarsi disperatamente come molte sue coetanee fanno: “Sono a metà della mia vita, non alla fine. Ed è davvero bello essere donna, non più una ragazza”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cavallotrotto

    14 Agosto 2009 - 13:01

    ho visto le foto della diva. mi ha fatto pena, sarà perchè sono donna e una cinquantenne che si mette in mostra come lei solo perchè è in calore, bhe ammiro altre attrici ultracinquantenni , che sanno stare al loro posto. roccaforte , le chieda quanto costa o lo fa gratis. la mia è una carognata. non sono brutta per nulla , ma sono una donna e non una femmina. ciao roccaforte

    Report

    Rispondi

  • ghorio

    13 Agosto 2009 - 08:08

    Per quanto mi riguarda ammiro Sharon Stone come donna. Se negli Usa i suoi coetanei non la guardano, venga da noi in Italia. TRoverà skicuramente tanti corteggiatori: dovrebbe, però, cambiare ambiente, non quello degli attori, ma quello degli anonmi mortali. Giovanni Attinà

    Report

    Rispondi

blog