Cerca

L'ultimo capriccio di Victoria Beckham

Una nave da crociera o niente sesso

L'ultimo capriccio di Victoria Beckham
Chi ha il pane non ha i denti. Ma come si fa a trovarsi nel letto David Beckham e girarsi di là senza dargliela. I giornali dicono che sia posh e pure snob, questa Victoria Adams. Una volta la si sarebbe chiamata semplicemente fessa.
La sciura maritata a cotanto miliardario ha deciso infatti di incrociare le cosce perché lui si rifiuta di comprarle per il compleanno una nave da crociera. D’altra parte che sarà una nave per una che voleva comperarsi il castello Sforzesco. David però stavolta ha detto no: se lei vuole uno yacht da 115 metri d’accordo, e vada ad esempio per il Pelorus di Abramovich, ma il simil Titanic non si acquista. Punto e basta. Viki ha puntato allora gli ossuti piedini e ha deciso di mettere il coniuge a stecchetto: e ora sotto le lenzuola è serrata. 
C’è chi ottiene i suoi risultati appendendosi a una gru, e chi ci prova negando la copula. Non è neppure troppo originale, la Spice-rivolta. La adoperò pure Naomi Campbell, per convincere il fidanzato Vladimir Doronin a smetterla col vizio del poker Everest on line. E le donne israeliane lavoratrici dei mikve, che da cinque mesi non vedevano il becco di un quattrino. Pure in Kenya, per scongiurare la guerra  fra il presidente Mwai Kibaki e Raila Odinga. E tutte hanno copiato la pioniera Lisistrata, che al tempo che fu convinse le donne elleniche a negarsi agli uomini per chiuderla lì con quella menata della guerra del Peloponneso, facendo un favore, duemila anni dopo, agli studenti del mondo. Il metodo di lotta, allora, funzionò. Ma c’è da scommettere che né Lisistrata né le altre avessero al fianco un bonazzo come Beckham.
Forse Victoria è stufa di lui come di un vecchio paralume, dopo questi dieci anni di vita coniugale. E la storia della nave è una scusa solo un po’più arzigogolata del solito cerchio alla testa. Per quanto la coppia scoppi di quattrini, infatti, era difficile pensare che il bel David potesse dire sì a tale richiesta. Il natante adocchiato,  parte della flotta di MSC crociere, è niente meno che il tutto italico “Fantasia”: alto tanto quanto un edificio di 23 piani, ha 1.637 cabine per 27.000 metri quadri di spazi pubblici, teatro, esclusiva area spa, 4 ristoranti e 2 aree buffet, un simulatore di Formula 1 e un cinema interattivo 4D, un campo da squash con pareti in cristallo, la discoteca e le  boutique, fra cui Bulgari, Baume & Mercier, Prada e D&G. Infine lo Yacht Club: 99 lussuosissime suite a sei stelle con maggiordomo 24 ore su 24, progettate secondo canoni stilistici al top del made in Italy. Esclusivi anche i servizi offerti nel foyer dedicato: oltre all’area esterna con jacuzzi, i passeggeri vip possono usufruire di salotti, libreria e bar notturno. Un po’troppo pure per le star...

Albian Perri su Libero di sabato

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allengiuliano

    16 Agosto 2009 - 14:02

    Come si fa a vivere con un "reietto" come quella "non signora". Il solo pensare che ha bisogno di una stanza, capiente, per mettere le sue scarpe, mi da il voltastomaco! Quanto piena di m....a è questa tipa? Ai posteri l'ardua sentenza!

    Report

    Rispondi

  • ghorio

    16 Agosto 2009 - 14:02

    Se non signora Victoria Adams non vuole fare sesso con il signo David Beckam, ovvero suo marito, penso che in Italia e nel mondo nessuno si addolora. Queste ntizie lasciomole ai tabloid inglesi e giornali simili. Tra l'altro questa è una coppia supervalutata in tutte le direzioni.Sono i misteri di questo strano mondo. Come ebbi a scrivere in altra circostanza, per quanto mi riguarda un eventuale prodotto pubblicizzato da quasta coppia non lo acquisterei mai. Quanto alla bellezza, è sempre soggettiva: per i giornali rosa tutte le donne e gli uomini da loro propagnadati sono belli.

    Report

    Rispondi

  • leponzio

    14 Agosto 2009 - 19:07

    povero David per quanto ancora sopportera' sta tipa?

    Report

    Rispondi

blog