Cerca

A Beirut impazzano

le Spa per le bambine

A Beirut impazzano
 A Beirut i bambini si spolverizzano con il cacao. Non si tratta di un gioco ma di un serissimo trattamento di bellezza. Una maschera al cioccolato, che idrata e rende luminosa la pelle delle piccole quanto esigenti clienti del primo centro estetico per bambini in Libano, lo Spa-tacular. Nel Paese dei Cedri, dove il culto per l'immagine femminile è notoriamente molto diffuso, i trattamenti estetici per le giovanissime sono l'ultima moda. In soli quattro mesi, nella capitale libanese, sono nate tre Spa per la clientela under 14. Lo Spa-tacular ha avuto oltre cento clienti in tre mesi. Una mezza dozzina di 'mini-miss' in accappatoio rosa, ospiti del centro Bellàs, nel lussuoso quartiere di Verdun, si confronta sul colore dello smalto o sulle nuove acconciature dei personaggi Disney come Hannah Montana. Il trattamento base, che comprende manicure, pedicure, 'trucco e parrucco’, costa 15 euro. “Sono i giochi più adatti alla loro età e le bambine ne vanno matte”, spiega uno degli animatori del centro. Dopo l'entusiasmo iniziale non sono mancate le critiche da parte di alcuni intellettuali libanesi. “Queste attività creano uno stereotipo di donna perfetta che deve per forza soddisfare le aspettative maschili”, ha affermato Lynn Darwich, membro del collettivo femminile di Beirut secondo la quale quest'ultima moda è sintomo di un problema sociale più grave. “Fanno sembrare la mia attività qualcosa di eccessivo e sbagliato”, ha risposto la proprietaria di Spa-tacular, Maya Hilal, che si è rifiutata di commentare le altre obiezioni. Intanto, sempre più bambine, attratte dalla pubblicità, chiedono di festeggiare il compleanno nel salone di bellezza in miniatura di Verdun, arredato con mini specchi a forma di stella, tappeti viola, guardaroba e scaffali colmi di prodotti estetici. Al posto del tradizionale clown coi palloncini, un team di cortesi estetiste munite di limette e smalti accoglie le ospiti. E dopo “essersi messe in tiro”, le mini-miss possono fare un salto nella discoteca della ludoteca. A pochi palazzi di distanza da Chez Lulu, con 28 euro ciascuna, le giovani principesse possono trascorrere due ore a farsi belle. Il prezzo non include la torta che, se non fosse per la proverbiale golosità dei bambini che resiste a ogni moda, resterebbe intatta perchè, si sa, che i dolci fanno ingrassare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • franziscus

    16 Ottobre 2009 - 22:10

    Non sono d' accordo sul fatto che le donne si facciano belle solo per compiacere agli uomini. Si fanno belle in primis per compiacere se stesse, ed essere più belle delle proprie amiche. Ma non sempre certi trattamenti di bellezza sono veramente migliorativi. Prendiamo per esempio le tette finte. Piacciono più alle donne che agli uomini. Prendiamo anche la depilazione in quel posticino. Piace più alle donne che agli uomini. Queste donne sembrano delle bambole (brutte) di plastica. Per quanto riguarda il fatto che delle bambine ricorrano ai trattamenti di "bellezza" lo trovo ridicolo e innaturale. Anche qui forse c'è lo zampino delle mamme.

    Report

    Rispondi

blog