Cerca

Sabina Guzzanti: W la libertà

e torna a stuzzicare la Carfagna

8
Sabina Guzzanti: W la libertà
Roma - La Guzzanti torna a far parlare di sè. E non solo per la campagna, lanciata sul suo blog, di “outing civile”, un’ iniziativa in cui la comica romana invita i suoi fan internauti a spedirle materiale audio, video e scritto a favore della libertà di informazione. "Non c'è altro modo di difendere la libertà che prendersela tutta, fino in fondo” dice Sabina. Oltre alla simpatica proposta, che ha già raccolto sul suo blog più di mille commenti, la Guzzanti, non paga delle polemiche che le sue affermazioni durante il “No Cav Day” hanno già suscitato, torna a lanciare una frecciata velenosa al ministro delle Pari Opportunità, Mara Carfagna.
"Berlusconi dice: la crisi si fa sentire, è il momento di stringere i denti. Mara tu no", commenta la Guzzanti. La Carfagna , che già aveva sporto querela dopo l’intervento della comica romana sul Palco di Piazza Navona lo scorso luglio, per ora tace. Ma dubitiamo che acconsenta

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sergiop

    29 Agosto 2008 - 11:11

    Lei mi fa pena, è una povera pagliaccetta che fa ridere solo i cretini, ma ancora di più mi rattrista quel povero padre. Evidentemente l'intelligenza non è ereditaria, mentre l'invidia si posa su tutto, come le mosche. Ci vorrebbe un bel "ratto della Sabina", per toglierci, almeno in parte, un "travaglio" di stomaco.

    Report

    Rispondi

  • alessandrokardo

    20 Agosto 2008 - 15:03

    ma che se la leggano solo i suoi minushabens che visitani il suo blog! Una così non merita una riga di inchiostro sulle pagine dei giornali seri. Tra l'altro lei si è ben definita dandosi della grande str..a! Che bisogno c'è di leggere ancora le porcate insulse che dice? Ma quale satira, per favore!

    Report

    Rispondi

  • curatola

    16 Agosto 2008 - 12:12

    Sta con i giustizialisti,i nipotini di Stalin e i girotondini,i pacifisti,i (rosso)verdi,ecc.una degna compagnia. Non trovo divertente la volgarità e l'insulto spacciati per satira politica,ma basta non dare loro un palco o abbandonare la piazza.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media