Cerca

Plastica del punto g

per 150 italiane all'anno

Plastica del punto g
 Zigomi rinforzati, labbra alla Jolie e seni da pin-up non bastano più alle italiane del Duemila. Oggi le donne sognano genitali da diciottenne e nella Penisola impazza il 'sex design': ringiovanimenti vaginali, riduzione delle piccole labbra e plastica del punto G. Ritocchi importati dagli Usa, richiesti da «circa 150 connazionali all'anno». Soprattutto over 35 'al secondo girò, che dopo separazioni o divorzi vogliono tornare su piazza nella forma migliore, ma anche mamme che si 'risistemanò dopo un paio di gravidanze e persino signore con relazioni stabili, per ridare smalto a rapporti un pò stanchi. A fornire le cifre nazionali della nuova moda, protagonista di uno studio inglese pubblicato sul 'British Journal of Obstetrics and Gynaecology', è Alessandro Littara, dell'Istituto di laser-chirurgia sessuale di Milano. Lanciato tre anni fa come primo centro italiano specializzato nella chirurgia 'intimà sia per lui che per lei, la struttura del capoluogo lombardo riceve pazienti da tutto lo Stivale: «Specialmente da Roma in su - spiega Littara all'ADNKRONOS SALUTE - Al Centro-Nord prevalgono le richieste da Lombardia, Piemonte e Veneto, mentre al Sud la città più 'interessatà agli interventi che offriamo è sicuramente Napoli», sottolinea l'esperto. Ai colleghi britannici che riflettono sui possibili rischi di queste metodiche, Littara ricorda che «si tratta di tecniche molto ben consolidate e perfezionate nella pratica clinica. Lo specialista americano da cui le abbiamo imparate ha alle spalle diverse migliaia di interventi». Eseguiti da mani qualificate e negli ambienti giusti «sono sicuri. Per quanto riguarda il nostro istituto, ad esempio, nessuna paziente trattata ha avuto bisogno di operarsi di nuovo». Dal novembre 2006, quando il centro milanese fu inaugurato, a Littara e colleghi il lavoro non è mai mancato: «Eseguiamo in media 5-6 interventi chirurgici al mese, per un totale di 60-70 all'anno», calcola. A questi si aggiungono poi le iniezioni di acido ialuronico per 'gonfiarè il centro nevralgico del piacere in rosa: «Più o meno 10 plastiche del punto G ogni mese», dice lo specialista.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    15 Marzo 2010 - 23:11

    quando leggo tutte queste cretinate paranoiche,penso ai terremoti,agli tsunami ,ai tumori,se li fanno fritti gli interventi idioti,ce ne sono ben altri da sostenere e penso a quanta gente stupida muore,ha paura e allora vede quello che è:il nulla,peggio di quello che è stata nella sua stupida vita!

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    11 Novembre 2009 - 18:06

    Non cè nessuna operazione di plastica di riassetto fisisco che possa sostituirsi a quello che si chiama attrazione chimica e spirituale. Cè un aforisma che recita:non è bello quel che è bello ma è bello ciò che piace. L'accoppiamento tra due esseri umani sessualmente differenti,se non è accompagnato da un minimo di attrazione fisiochimica e psichica è come mangiare a forza qualcosa di disgustoso; dopo aver finito,non vedi l'ora di andartene. Le persone,non dovrebbero far sesso come se fosse una pratica obbligatoria anche perchè,se il piatto non piace,ti rimane sullo stomaco; secondo me sarebbe logico stare assieme per un afflato di conoscenza e dopo,se.......altrimenti,si rimane amici piu di prima.

    Report

    Rispondi

  • ghorio

    11 Novembre 2009 - 18:06

    Capisco che per molte donne possa esistere la "sindrome della giovinezza perenne", ma per la stragrande maggioranza degli uomini c'è la preferenza per le cose naturali. Viva le quarantenni pertanto, con l'aggiunta delle cinquantenni e delle sessantenni e abbasso le donne rifatte. Giovanni Attinà

    Report

    Rispondi

blog