Cerca

Arriva il rosario digitale

Social network della preghiera

1
Arriva il rosario digitale
Dopo 1400 anni il rosario arriva anche su Internet, diventando digitale. Sarà un supporto che conduce il fedele a recitare il Santo Rosario e a immergersi realmente nella meditazione dei misteri della fede cristiana, accessibile gratuitamente all’indirizzo www.prexcommunion.com e a pagamento dai cellulari più evoluti. E’ stato ideato da Euro Digital Equipment srl in collaborazione con la Delegazione Pontificia per il Santuario della Santa Casa di Loreto e presentato nell'ambito del Convegno “Fede e Tecnologia". Il “telefedele”  potrà così recitare il Santo rosario e immergersi realmente nella meditazione dei misteri tutto tramite il Web. Lo scopo dichiarato è far sentire chi prega parte di una Community virtuale e per far riscoprire la preghiera di gruppo. Infatti, connettendosi alla piattaforma digitale, le persone sole, o impegnate in lunghi viaggi, possono trovare altri fedeli impegnati nella recita del Santo Rosario e unirsi a loro. E se un “navigatore” vi si imbatte su Internet, può servire a far nascere in lui l’interesse per questa antica e sempre attuale preghiera che Papa Wojtyla rilanciò nel 2002 aggiungendo ai misteri tradizionali anche i nuovi “misteri luminosi”. Il nuovo portale è definito anche «Social network della preghiera», perchè forma comunità virtuali che condividono tra loro non solo la preghiera ma anche temi di discussione, e permette di scambiarsi testi, documenti e foto, impostare calendari di eventi religiosi, pianificare incontri fisici di preghiera comunitaria e connettersi ad altri social network, come Facebook o Twitter per esempio.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nicola.guastamacchiatin.it

    23 Novembre 2009 - 15:03

    La miglior preghiera si esercita da soli e si fa con parole semplici come disse Gesù di Nazareth ai suoi discepoli: quando vi rivolgerte a Dio fate come se state parlando con vostro padre;dite parole semplici e con amore perchè Dio capisce ognuno di noi in qualsiasi linqua o dialetto si esprime. La fede non è un opzional o si crede o non si crede e la preghiera rappresenta sempre un atto d'amore e di fede verso Dio e non ha bisogno di manifestarsi come in un teatro, perchè appartiene solo al credente in genuflessione.

    Report

    Rispondi

media