Cerca

Todi, studenti umbri

"custodi dell'ambiente"

Todi, studenti umbri
Da oggi l'Umbria ha 3.500 nuovi «custodi dell'ambiente». Alcuni istituti scolastici di Todi, Giano dell'Umbria, Monteleone di Spoleto e Cascia hanno infatti sottoscritto stamattina le convenzioni con gli enti proprietari di altrettanti parchi e aree verdi da proteggere e salvaguardare.
Il progetto “Adotta la natura”, è stato lanciato dal Club della palomba, che oggi ha tenuto nella sala consiliare del Comune di Todi il suo meeting annuale “Zefiro '09”. L'assessore provinciale alla cultura e politiche comunitarie Donatella Porzi ha sottolineato il valore del momento: «un'iniziativa - ha detto - che vede la scuola adottare una porzione di ambiente per diventarne custode e garantirne il mantenimento, e, attraverso tutto ciò, educare e formare i giovani su temi di stretta attualità (sviluppo sostenibile, inquinamento, mutamenti climatici, ecc.) è di assoluto rilievo e denota uno spiccato senso civico».
Le scuole coinvolte nel progetto di Zefiro sono la Direzione didattica di Todi con le scuole medie, la Scuola secondaria di I grado Cocchi-Aosta, l'Istituto d'istruzione superiore Ciuffelli-Einaudi, il Liceo classico Jacopone, l'Istituto comprensivo di Cascia e l'Istituto comprensivo di Giano dell'Umbria-Bastardo. Ad essere adottate sono aree verdi come il Parco della Rocca, il Parco dell'Istituto Veralli Cortesi, un frutteto biologico, un giardino pubblico, delle fontane antiche e un terreno di ulivi secolari.
Ciascuna scuola in particolare si attiverà e svilupperà il progetto, in base ai propri indirizzi e specificità, dando così vita, come ha spiegato il presidente del Club della Palomba, Antonio Pinotti, ad «azioni simboliche e concrete allo stesso tempo per tenere vivi anche tra le giovani generazioni il senso di appartenenza ad un territorio e l'attaccamento alle radici».
Il sindaco di Todi Antonino Ruggiano ha detto che è un obbligo di tutti tenere ancora fede allo slogan coniato qualche decennio fa «Umbria, cuore verde d'Italia». È stato anche proposto di istituire la «Sentinella ambientale» per il territorio di Todi, al fine di creare una rete di protezione con il coinvolgimento di cacciatori, agricoltori e ambientalisti. «La figura della sentinella - ha detto l'assessore Porzi - potrà essere un ulteriore fattore di stimolo per sensibilizzare le comunità locali rispetto alle tematiche portate avanti da Zefiro».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog