Cerca

Per una donna su due lo stupro è "meritato"

Lo studio: vittime colpevoli. La psicologa Vinciguerra a Libero: ma la responsabilità delle violenze è quasi sempre dell'uomo

Per una donna su due lo stupro è "meritato"
Ballare scompostamente, vestire abiti succinti, flirtare in modo provocatorio.  Sarebbero queste le condizioni che inducono gli uomini a violentare una donna. Lo rivela un discutibilissimo studio inglese condotto dagli esperti della Whitechapel Haven, secondo il quale, in caso di stupro, le persone pensano che spesso è colpevole anche la vittima. Mille gli individui coinvolti nel test. Una donna su due ritiene colpevole l'atteggiamento un po’ troppo 'spinto' di una appartenente al gentil sesso; un uomo su tre crede che fare sesso con la propria partner quando lei non è d'accordo non sia da considerarsi reato; il 13% degli uomini rivela di aver provato a fare sesso con partner troppo brille per capire cosa stesse succedendo.

 Corrono maggiori rischi soprattutto le ragazze di età compresa fra i 18 e i 24 anni, più sprovvedute e volenterose di conoscere gente nuova. "L'argomento è molto complesso", spiega a Libero Paola Vinciguerra, psicologa e presidente di Eurodap, "in ogni caso credo che la violenza sia imputabile quasi sempre all'uomo. La donna può provocare, ma l'uomo non ha mai alcun diritto di avventarsi su una donna che non è consenziente".
Libero-news.itLibero-news.it

Le donne, di fronte ad un caso di stupro che finisce in tribunale, pensano che la vittima fosse ubriaca o poco vestita



La ricerca è stata effettuata per spronare le scuole a introdurre corsi speciali di educazione sessuale, tali da sradicare atteggiamenti che potrebbero portare a casi di violenze. "Le donne, di fronte ad un caso di stupro che finisce in tribunale, pensano che la vittima fosse ubriaca o poco vestita", spiega Elizabeth Harrison, a capo dello studio, "Perciò è necessario sensibilizzare i giovani al problema".

Dallo studio è anche emerso che solo una donna stuprata su cinque denuncia alla polizia la violenza subita. Inoltre solo uno stupro su 14 si conclude con una condanna.
L'argomento è stato recentemente trattato anche da Amnesty International. Il 28% degli intervistati ritiene in parte colpevole la donna che ha subito violenza; il 6% considera responsabile solo la vittima.

Gianluca Grossi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    02 Marzo 2010 - 23:11

    gli altri(politici o chi altro,) sono pochi su milioni che siamo noi:le donne iniziano a 13 anni.Si vestono in maniera provocante.C'è ilporno e il nudo che le incanala in un settore senza animo, di sesso:Bisognerebbe capire che a una ingrata età,c'è il gusto di sedurre ed essere irresistibili:ma anche e solo per chi si vuole!gli strupatori non conoscono il gusto della seduzione e della conquista,che è molto più soddisfacente dela violenza,aprendo l'animo alla conoscenza.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    15 Febbraio 2010 - 19:07

    Per uno stupro si dovrebbero incrudire le pene detentive carcerarie molto superiori alle attuali, dopo di che, può darsi che molti ci penserebbero bene prima di procedere al delittoò. Inoltre, non ci si può continuare a menaci per il naso vedendo la colpevolezza solo nell'atto delinquenziale se non siamo capaci di vedere quello che attualmente ci circonda dove, la morale materiale e psicologica è andata a farsi gettare in un water; dove solo i prepotenti, i mestatori e i ladri hanno il diritto di essere considerati come i primi della classe; si vedano tutti gli spettacoli che trasmettono le televisioni e i cinema dove il cannibalismo sessuale ti viene sbattuto in faccia come un escremento e dove,sia la donna che l'uomo,ormai vengono trattati come un oggetto usa e getta. Signori del potere, sia politico che economico,i primi a dover pagare per questa società ormai corrotta fino alle midolla, siete proprio Voi e dopo gli altri.

    Report

    Rispondi

blog