Cerca

Genova, tutti riassunti

i ferrovieri fannulloni

Genova, tutti riassunti

Tanto tuonò che non piovve. Gli otto ferrovieri licenziati l’8 agosto scorso a Genova, perché uno di loro era stato scoperto a timbrare il cartellino anche degli altri compagni, sono stati riassunti dopo una trattativa durata circa un mese. Di fronte ai giudici erano presenti le parti: l’avvocato Paroletti e il direttore della holding Braccialarghe per Trenitalia e l’avvocato Califano per Filt-Cgil.
I ferrovieri incriminati hanno spiegato che, se avessero indugiato a timbrare il cartellino, avrebbero tra le altre cose perso il treno per tornare a casa al termine dell’orario di lavoro. L’episodio era stato valutato come una “perdita di fiducia” da parte dell’azienda, considerata giusta causa per procedere al licenziamento.
Per Ferrovie “a fronte dell'iniziale richiesta dei ricorrenti di vedere dichiarato illegittimo il licenziamento adottato nei loro confronti, con conseguente reintegro nel posto di lavoro dal giorno del licenziamento, l'intesa raggiunta si fonda su due importanti presupposti”. Il primo è “il riconoscimento da parte dei lavoratori dell'assoluta gravità della commessa violazione degli obblighi contrattuali, relativamente all'uso improprio ed illegittimo del badge, sanzionato con il licenziamento”.
In seguito, fanno sempre da Trenitalia, c’è stata “l'accettazione del licenziamento, quale sanzione per il comportamento tenuto e il conseguente ritiro del ricorso”. Su questi presupposti l’azienda ha preso atto della maturazione della consapevolezza da parte dei lavoratori della gravità dell’inadempimento commesso. Da qui la decisione di offrire “una nuova opportunità ai lavoratori, Trenitalia ha pertanto ritenuto di poter definire la controversia con l'assunzione ex-novo dei ricorrenti a far data dal 15 ottobre 2008”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • cinziasammartino

    12 Gennaio 2009 - 20:08

    Adesso sono diventati bravi ragazzi secondo la giustizia Italiana. Ma che assurdità! Il Lupo perde il pelo, non il vizio! Siamo tutti autorizzati a rubare tanto..... poi non succede niente.

    Report

    Rispondi

  • fafner

    15 Dicembre 2008 - 12:12

    Se poi i riassunti avessero pure pianto calde lacrime di pentimento avrebbero anche ottenuto come mini- mo il raddoppio dell'anzianità di servizio .

    Report

    Rispondi

  • curatola

    05 Ottobre 2008 - 20:08

    Sembra buonismo ma la nostra cultura non teutonica,non protestante é allergica alla disciplina delle regole o meglio non ha più fiducia nella forza della norma per regolare tutte le circostanze ed i comportamenti. Vogliamo che prevalga la complessità e l'articolazione al punto che nessuna norma può comprendere. Non per nulla siamo il paese dei furbi d degli elusori,delle deroghe e degli insabbiamenti. Siamo fatti così !

    Report

    Rispondi

  • curatola

    03 Ottobre 2008 - 17:05

    Il caso dei licenziati nelle FFSS la dice lunga sul costume degli italiani e dei giudici . Non mi sarebbe mai venuta in mente un'idea così geniale per risolvere il caso salvando capra (la giustezza della sentenza) e cavoli (i ferrovieri licenziati) fra l'altro senza creare precedenti. Non so se deprecare di essere italiano o vantarmene !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog