Cerca

I nonni baby sitter fenomeno italiano

Estromessi però in caso di divorzio

I nonni baby sitter fenomeno italiano

È dal 1995 che in Italia si registra un fenomeno particolare: un elevato numero di bambini è infatti affidato sistematicamente ai nonni. Si calcola che circa 4 milioni di bambini - pari a circa il 64% della popolazione minorile - vivano gran parte della propria infanzia con i “saggi baby sitter”.
Il fenomeno non ha eguali per quanto riguarda l’incidenza in nessun altro paese D’Europa. Come afferma l’avvocato Gian Ettore Gassani, presidente nazionale AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani), “I nonni italiani osservano soltanto doveri morali e giuridici, atteso che il 5% di essi provvede direttamente al mantenimento dei nipoti (allorché non vi provvedano i genitori) così come sancito dall’art. 148 del Codice Civile. Aumentano, pertanto, i casi di nonni trascinati in giudizio affinché vengano costretti a ‘mantenere’ i nipoti. A questi citati doveri non corrispondono, invece, altrettanti diritti: il Legislatore non ha infatti attribuito ai nonni il diritto autonomo di chiedere al Giudice di vedere e stare con i nipoti allorquando vi sia il rifiuto ingiustificato dei genitori”.

Gassani spiega: “Capita molto spesso che in caso di separazione (in media 80.000 ogni anno) o divorzio (in media 50.000 all’anno) i primi a pagare siano proprio i nonni ai quali, per vendetta o ripicca, viene improvvisamente impedito di mantenere vivi i rapporti con i nipotini; gli stessi che, magari, fino a qualche tempo prima avevano contribuito a crescere ed educare. Si calcola che in Italia ogni anno circa 16.000 nonni vengano del tutto estromessi dalla vita dei nipotini soprattutto nei casi in cui i minori contesi siano affidati in via esclusiva ad uno solo dei genitori. La Legge 54/2006, che ha introdotto l’istituto dell’affidamento condiviso, ha genericamente sancito il diritto del minore a mantenere rapporti significativi con gli ascendenti entro il quarto grado (tra cui i nonni), ma nessuna legge ha mai sancito il diritto dei nonni a rivendicare il proprio ruolo, in sede giudiziale, nella vita dei nipotini. Emerge, pertanto, un dato preoccupante: le strumentalizzazioni dei figli contesi non sono consumate soltanto nei confronti dell’altro coniuge, quanto soprattutto in danno di tutte le altre figure parentali. E’ evidente che nel nostro Paese non via sia soltanto la piaga dei suoceri invadenti, ma vi sia anche quella di generi e nuore malvagi ed irresponsabili”.

In conclusione il presidente Gassani aggiunge: “A parere dell’AMI andrebbe contemplata dal Legislatore una norma che contempli il diritto soggettivo pieno dei nonni di poter sempre e comunque mantenere rapporti con i nipoti indipendentemente dalle volontà dei genitori di questi ultimi. Tutto ciò al fine di evitare odiose vendette nei confronti di anziani, attualmente indifesi, ai quali la legge e la società attribuiscono soltanto doveri ed oneri di ogni sorta. È scientificamente  dimostrato quanto il ruolo affettivo ed educativo dei nonni sia assolutamente complementare a quello dei genitori, ragion per cui l’improvvisa interruzione  dei rapporti consolidati tra i nonni ed i nipoti non può che aggiungere ulteriori danni a quelli già prodotti dalla spaccatura del matrimonio”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • snob

    14 Maggio 2010 - 23:11

    L'avv Gassani ha veramente centrato il problema! soprattutto quando i genitori si separano diventa praticamente IMPOSSIBILE per un nonno paterno frequentare i nipotini. I bimbi son quasi sempre "collocati" presso la madre ed il nonno paterno può forse vederli nelle poche ore che sono concessi in visita o vacanza presso il padre. E' veramente triste che i bimbi (ed anche i nonni) debbano soffrire per una decisione presa dai genitori (per qualunque ragione o colpa)! Avevo interpretato il nuovo art.155 nel senso che concedesse il diritto non solo ai nipotini, ma anche ai nonni. Ma adesso pongo questa domanda: come fa il bimbo (minore, ovviamente) a far valere il diritto di frequentare i nonni? Se il Tribunale dei Minori ha previsto solo la permanenza presso la madre, qualche giorno con il padre, le ferie suddivise tra i due, e non ha previsto nulla per far trascorrere qualche giorno con i nonni, come si può fare? Il minore presenta istanza al tribunale? facendola firmare al papà?

    Report

    Rispondi

blog