Cerca

Cina: condannato a 20 anni di carcere per omicidio. Ma la vittima ricompare

Ha confessato dopo esser stato torturato ma lui, il crimine non l'aveva mai commesso

Cina: condannato a 20 anni di carcere per omicidio. Ma la vittima ricompare
Dodici anni fa, nel 1998, scompare dalla sua abitazione in un piccolo villaggio nella provincia dello Henan in Cina, Zhao Zhenxiang. L’anno successivo viene ritrovato in un pozzo un corpo decapitato. I familiari di Zhenxiang affermano che si tratta proprio del loro parente scomparso improvvisamente.

Viene accusato dell’omicidio Zhao Zuohai, uomo residente nello stasso villaggio e che aveva avuto un litigio con Zhenxiang poco prima della sua scomparsa. Le autorità lo arrestano ma Zuohai si dichiara innocente e così iniziano a torturarlo. Alla fine, stremato, l’uomo confessa il crimine. 
Zuohai viene, inizialmente, condannato a morte ma la pena viene sospesa. In seguito, per buona condotta, viene deciso che l'uomo deve scontare venti anni di carcere.

Ma ecco l'apparizione. Pochi giorni fa Zhenxiang è tornato nel suo villaggio. Non era morto: se ne era andato per avviare una piccola attività commerciale nella zona di Taikang. Per problemi di salute adesso è parzialmente paralizzato. In tutti questi anni non si è mai sposato e ora non ha un posto dove stare. L’uomo in carcere, per un crimine mai commesso, è stato rilasciato. Forse avrà diritto a una cospicua ricompensa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • franziscus

    10 Maggio 2010 - 14:02

    hanno la fama di essere dei favolosi torturatori e sicuramente sono capaci di farti confessare qualunque crimine, anche quello di avere tradito Gesù in combutta con Giuda.

    Report

    Rispondi

  • moicano

    10 Maggio 2010 - 12:12

    La giustizia comunista è paragonabile a quella medioevale, si estorcono "confessioni" con la tortura. Dopo un simile trattamento confesseresti di essere l'assassino di Giulio Cesare e i progressisti giudici cinesi ti condannerebbero convinti di aver fatto il loro dovere. Nel nome del popolo, naturalmente.

    Report

    Rispondi

blog