Cerca

Vivisezione al Niguarda, animalisti in rivolta

Sui social network petizione per evitare le operazioni in laparoscopia sugli animali vivi

Vivisezione al Niguarda, animalisti in rivolta

L’ospedale Niguarda di Milano, in collaborazione con l'Aims Academy, ha iniziato ieri una conferenza internazionale in cui si parlerà di chirurgia laparoscopica avanzata. Ma non è una semplice conferenza. Già perché nella brochure dell’evento è stato specificato che gli interventi dimostrativi saranno realizzzati dal vivo con sessioni pratiche sugli animali vivi.

Si è così scatenata così una lotta contro il tempo per fermare questa mattanza. Protagonista ancora una volta il social network Facebook. In una nota diffusa tra gli utenti si legge che tutti sono invitati a inviare una mail (e viene indicato il testo da copiare), con cui si chiede la sospensione immediata degli esperimenti sugli animali. La mail è indirizzata ad AIMS Academy, alla Direzione Sanitaria Ospedale Niguarda, all'Assessore alla Sanità Regione Lombardia e infine al Presidente alla Sanità.

Questo viene fatto sulla base di tre motivazioni importanti: il primo è che il decreto legislativo 116/1992 prevede un'autorizzazione specifica e recita "In deroga all'art. 3, comma 1, il Ministro della sanità autorizza gli esperimenti a semplice scopo didattico soltanto in caso di inderogabile necessità e non sia possibile ricorrere ad altri sistemi dimostrativi" e tale "inderogabile necessità" non esiste, in quanto esistono metodi alternativi senza uso di animali.  In secondo luogo già la Regione Toscana e il Piemonte hanno dichiarato che corsi di quel genere non si possono tenere all’interno della regione e infine viene sottolineato come sia “vergognoso che anche le poche regole che normano la sperimentazione animale vengano disattese in modo così grossolano”.

In molti hanno già risposto all’appello ma c’è ancora molto da lavorare per salvaguardare gli amici a quattro zampe.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Simona Lupano

    07 Giugno 2010 - 18:06

    Io sono una di quelle persone che tramite facebook è venuta a conoscenza di questo ENNESIMO e disumano episodio. Ho mandato le e-mail, l'unica cosa che potevo fare. Su facebook arrivano messaggi relativi a qualsiasi emergenza, NE ARRIVANO TANTISSIMI. E non si tratta solo di animali. DOVE sono le autorità? DOVE SONO i politici che dovrebbero occuparsi di noi e del loro Paese? CHI si interessa a noi? I media incentrano l'attenzione su argomenti quali la trasmissione di Santoro, scandali vari(scusate il termine, ma "ce l'avevano fatta a fette con il divorzio di Berlusconi"!!!!), etc.. Per es:parlano mai di NOI GIOVANI SENZA FUTURO? parlano mai delle ATROCITA' che vengono commesse OGNI GIORNO nel NOSTRO PAESE sugli animali? Si insultano l'un l'altro solo per il "CADREGHINO". Poi, OVVIO, i giovani SONO BAMBOCCIONI, NON SI INTERESSANO ALLA POLITICA e VOGLIONO FARE I CALCIATORI e LE VELINE. Certo, siamo noi gli sciocchi oppure abbiamo capito che non abbiamo altre possibilità?!

    Report

    Rispondi

  • annalisa floredan

    06 Giugno 2010 - 18:06

    Come potete pretendere di essere chiamati medici, scienziati o ricercatori? Per conto mio siete solo degli emeriti assassini crudeli, faccio presente che siamo nell'anno 2010 d.c. e se ancor oggi non avete capito che sperimentare sugli animali cose che dovrebbero curare l'uomo siete ancora sulla strada sbagliata. Ho una proposta in merito, in tutto questo mondo vi sono persone di cui solo la presenza è inutile. Bene facciamo così proponiamo a persone che sono nel braccio della morte o persone che volontariamente hanno perpetrato mali indescrivibili alla nostra comunità di regalare il proprio corpo alla così detta scienza, se poi dopo tutte le porcherie che gli avrete fatto subire riusciranno ancora a vivere, la pena sarà scontata e tutta la comunità grata, soprattutto quella animale come topi, gatti, cani, scimmie perché animali siamo anche noi, non lo dimenticate! Un giorno, un'amico mi fece notare come il giuramento dei medici fosse molto simile a quelli degli ipocriti!

    Report

    Rispondi

  • isabella basiglio

    04 Giugno 2010 - 20:08

    E' uno schifo. Meno male che vieniamo definiti esseri civili. Questa non è civiltà e una cosa del genere viene fatta in barba alla legge contro la vivisezione e contro la legge sui maltrattamenti degli animali.

    Report

    Rispondi

  • pincruise

    04 Giugno 2010 - 17:05

    pure io amo gli animali... ma se gli esperimenti servono all'umanità è giusto che si facciano.... nessuno parla dell'agnellino... del vitellino... dei polli... delle borse e delle scarpe di pelle, degli omogeneizzati alla carne... ma come muoiono tutti questi animali? andate a fare casino dal vostro macellaio di fiducia e non state a rompere....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog