Cerca

Intimo e burqa: pubblicità provocazione della Liaison Dangereuse/ Guarda il video

Lo spot, andato in onda qualche mese fa, ha da poco sollevato un polverone tra le donne arabe e tra gli studiosi occidentali

Intimo e burqa: pubblicità provocazione della Liaison Dangereuse/ Guarda il video
Quella della Liaison Dangereuse, una ditta tedesca di moda apprezzata in tutto il mondo ma che lavora soprattutto nel settore della biancheria intima, sembra una normale e provocatoria pubblicità di casa di lingerie: all’inizio si vede una donna molto bella che si fa la doccia, si asciuga, si guarda allo specchio mentre si trucca. Poi si incammina, su dei tacchi vertiginosi, verso la stanza da letto ed estrae dalla cassettiera l’intimo. Indossa il reggiseno e le autoreggenti. Si guarda ancora allo specchio compiaciuta di sé stessa e si allontana.

Nulla di strano fino ad ora. Ma è in arrivo la scena finale. Infatti mentre la donna, sensualissima, si sta per avvicinare alla finestra ecco che indossa il burqa e  compare il messaggio: «Sexiness for everyone. Everywhere», che significa “Sensualità per tutti. Ovunque”. Fa da sfondo alla clip una colonna sonora di musica orientale. La modella dello spot è Miriam Wimmer.

Lo spot è l’ultimo andato in onda, anche nei cinema tedeschi e in molti siti internet, qualche mese fa ma ha sollevato da poco un polverone. In particolare si animano discussioni sui blog perché viene associato il concetto di sensualità al burqa che le donne islamiche devono indossare per coprire il proprio corpo. Addirittura un forum femminile di donne musulmane, "Muslimah Media Watch", compaiono frasi come: «Siamo stanche di vedersi ritratte dai media nel solito modo: monodimensionale e fuorviante». E gli studiosi occidentali dicono: «Questa è una pubblicità che offende le donne musulmane e dà una brutta immagine del velo integrale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • curcal

    01 Febbraio 2011 - 09:09

    Non ravvedo niente di offensivo: un normalissimo invito a tutte le donne, comprese le orientali, ad indossare della biancheria intima firmata. La vanità è femminile in tutte le parti del mondo e a tutti i livelli sociali, comprese le donne islamiche. Pertanto, non vedo alcunchè di scandaloso o di offensivo.

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    12 Giugno 2010 - 19:07

    ma non mi è venuto in mente niente di positivo a proposito del velo integrale.

    Report

    Rispondi

  • orma63

    11 Giugno 2010 - 11:11

    "brutta immagine del velo integrale", ma esiste anche un'immagine positiva del velo integrale?

    Report

    Rispondi

  • garofgi

    10 Giugno 2010 - 21:09

    Non è un burqa, é un niqab, perché lascia scoperti gli occhi.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog