Cerca

Street View fotografa il figlioletto nudo, madre infuriata

In Inghilterra, il servizio satellitare di Google inciampa sulla privacy del bambino. Immagine tolta dopo la denuncia

Street View fotografa il figlioletto nudo, madre infuriata
L’occhio indiscreto di Street View, che osserva dal satellite la Terra, è spesso sotto processo dell’opinione pubblica per la violazione della privacy. E per questo il servizio di Google svolge accurate indagini per oscurare dalle immagini tutti gli elementi soggetti a tutela, dalle targhe delle auto ai volti delle persone. Però, una madre di 25 anni, Claire Rowlands, che vive a Walkden (Greater Manchester), mentre sbirciava il suo paesino da internet, è finita sul cortile di casa dei suoi genitori e immortalato dall’obiettivo di Street View c’era suo figlio Louis, tre anni, che si rotolava tutto nudo (con addosso solo le scarpette) nell’erba. “Un’immagine così nitida da essere indecedente – ha sfuriato la donna -. La mia preoccupazione è che possano vederla dei pedofili e non voglio che mio figlio nudo sia mostrato a tutto il mondo”. Appello accolto subito da Google: immagine cancellata e tanto di scuse per la signora e il piccoletto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • just69

    30 Novembre 2010 - 17:05

    il bambino non si rotolasse nudo nell'erba del cortile sia per motivi igienici sia per evitare gli sguardi indiscreti dei passanti e di eventuali pedofili che potevan trovarsi a passar di là esattamente con le stesse o superiori probabilità di quanti potrebbero averlo visto su street view. Perdonate l'apparente cinismo.

    Report

    Rispondi

  • renatarossi

    01 Luglio 2010 - 15:03

    per questa mamma,è elastico: per lei,non c'è problema,sbircia con soddisfazione pettegola le faccende altrui,ma se in mezzo a quelle faccende c'è il suo pargolo,allora bisogna tappare tutto.Alla faccia della privacy made in England. Poi ci scanniamo per l'occhio del Nostro Grande Fratello!

    Report

    Rispondi

blog